Montefalco nel bicchiere, alla scoperta del grande Rosso

Montefalco nel bicchiere, alla scoperta del grande Rosso

Dal 2 aprile al 29 ottobre, esperti sommelier guideranno gli amanti del vino in un viaggio sensoriale nel territorio del Sagrantino

share

Descritta da Forbes come eccellenza vinicola italiana con il Sagrantino come fiore all’occhiello, l’Umbria si prepara a ospitare turisti e appassionati di vino che prenderanno parte alla quarta edizione della manifestazione “Montefalco nel bicchiere”, ciclo di degustazioni guidate organizzato dal Consorzio Tutela Vini Montefalco.
Attraversando i folti filari e le sinuose vallate della zona si giunge al culmine della collina in cui sorge Montefalco, luogo eletto come uno dei Borghi più belli d’Italia. La cittadina, nota anche come la ringhiera dell’Umbria, accoglie i viandanti in cerca di un angolo di relax e di un buon calice di vino, da sorseggiare avvolti nel silenzio e nella natura del Cuore Verde d’Italia.
In un viaggio attraverso i profumi e i sapori vinicoli del territorio montefalchese, da cui prende il nome il vitigno autoctono, i winelovers saranno accompagnati alla scoperta del grande rosso umbro apprezzato in tutto il mondo per la tannicità e la solenne struttura che lo caratterizzano. Come moderni aedi, i sommelier professionisti racconteranno le storie dei quattro vini proposti, ciascuno di un diverso produttore, a rotazione, narrandone la tradizione, le specificità del territorio da cui nascono e le curiosità che li caratterizzano, in un vero e proprio storytelling vinicolo.
Le degustazioni dei quattro vini, il Montefalco Rosso DOC, il Montefalco Sagrantino DOCG, sia nella versione secca sia nella versione passita, e il bianco, dal Montefalco Bianco DOC al Trebbiano Spoletino e Grechetto, saranno possibili ogni sabato, alle ore 17.00, dal 2 aprile al 29 ottobre, presso la sede del Consorzio Tutela Vini Montefalco, in Piazza del Comune 16 a Montefalco (PG). Gli assaggi sono proposti in lingua inglese e in italiano e avranno una durata di un’ora e mezza. Il numero dei posti a sedere è limitato ed è dunque consigliata la prenotazione. Il contributo è di €7,00 a persona.
L’evento si inserisce nel progetto di promozione dei vini delle denominazioni di Montefalco e di scoperta del territorio attraverso le imprese simbolo dello sviluppo vitivinicolo umbro: i Vini di Montefalco rappresentano il 16,7% della produzione di vino in Umbria, In particolare il Montefalco Sagrantino DOCG detiene il 6,3%, e il Montefalco DOC il 10,4%.
Nei sabati di degustazione, inoltre, i turisti potranno scoprire le bellezze del borgo di Montefalco grazie alla mostra itinerante “Il linguaggio del vento”, dello scultore umbro Sestilio Burattini, di cui il Consorzio è partner. L’itinerario di visita sarà possibile attraverso l’installazione di 12 opere monumentali lungo le vie e le piazze della città e 33 opere minori esposte all’interno delle gallerie dedicate all’arte contemporanea del Museo di San Francesco.

Di seguito, la lista delle 28 cantine aderenti a “Montefalco nel Bicchiere 2016”: Antonelli, Adanti, Arnaldo Caprai, Bartoloni Maria Rosa, Benedetti&Grigi, Benincasa, Brogal Vini, Brunozzi, Colle Ciocco, F.lli Pardi, Fongoli, Le Cimate, Lungarotti, Milziade Antano, Moretti Omero, Napolini, Novelli, Perticaia, Romanelli, Ruggeri, Scacciadiavoli, Tenuta Alzatura-Cecchi, Tenuta Bellafonte, Tenuta Castelbuono, Tenuta Rocca di Fabbri, Terre de Nappi, Terre de la Custodia e Valdangius.

Per info e prenotazioni:
Consorzio Tutela Vini Montefalco
Tel: 0742 379590
E-mail: info@consorziomontefalco.it

Il Consorzio Tutela Vini Montefalco nasce, nel 1981, dalla volontà dei produttori di Montefalco di riunirsi in un Consorzio di Tutela che coordinasse le aziende della zona nella costante ricerca della qualità e nella valorizzazione dei vini del loro territorio. Il Consorzio ha il compito di garantire gli elevati standard di produzione, di guidare i produttori locali in un costante miglioramento qualitativo e di promuovere, insieme a Montefalco Sagrantino DOCG e Montefalco Rosso DOC, tutti i vini prodotti nel territorio.

share

Commenti

Stampa