Marsciano, pestano a sangue un operaio e gli rubano stipendio e telefono - Tuttoggi.info

Marsciano, pestano a sangue un operaio e gli rubano stipendio e telefono

Redazione

Marsciano, pestano a sangue un operaio e gli rubano stipendio e telefono

Mer, 13/11/2013 - 14:34

Condividi su:


Lo hanno pestato. A sangue. Procurandogli fratture al volto e al corpo, gli hanno rubato lo stipendio appena riscosso e lo hanno lasciato a terra tramortito. E' la rapina violentissima avvenuta lo scorso 7 ottobre davanti alla stazione di Marsciano. I due presunti responsabili sono stati arrestati e portati in carcere.

I fatti. Intorno alle 14.30, alla stazione ferroviaria di Marsciano, alcuni cittadini hanno assistito ad una violenta aggressione di due stranieri ai danni di un uomo. Sul posto sono arrivate diverse pattuglie di Carabinieri della Stazione di Marsciano e dell’Aliquota Radiomobile di Todi. I militari hanno trovato e soccorso un cittadino marocchino che sanguinava copiosamente. Era un operaio di 55 anni, residente a Deruta, che subito è stato trasportato al Pronto Soccorso di Pantalla, dove i sanitari gli hanno diagnosticato “trauma cranico facciale, con frattura delle ossa nasali ed escoriazioni multiple al volto e al corpo”, giudicandolo guaribile in giorni 30.

Le indagini. I Carabinieri di Marsciano, hanno raccolto testimonianze, ricostruendo che il malcapitato, al rientro da Perugia con un suo amico, era stato avvicinato da due suoi connazionali che lo hanno aggredito colpendolo violentemente su varie parti del corpo, fino a quando è rimasto a terra tramortito. Nel frattempo, l’amico della vittima intimorito dagli aggressori, è stato minacciato di allontanarsi altrimenti gli sarebbe toccata la stessa sorte. Ripresi i sensi, il cinquantacinquenne si è reso conto che i suoi aguzzini gli avevano rubato il telefono cellulare e 900 euro (salario del precedente mese di lavoro). I militari, grazie alla conoscenza del territorio, sono riusciti ad identificare gli aggressori in due cittadini marocchini regolari, uno domiciliato a Todi e l’altro a Bastia Umbra, entrambi già conosciuti per i loro numerosi pregiudizi di polizia di varia natura.

Gli arresti. Il quadro accusatorio elaborato dai Carabinieri è stato condiviso dalla Procura della Repubblica di Spoleto che ha chiesto ed ottenuto dal competente GIP la misura della custodia cautelare in carcere nei confronti dei due. Il provvedimento restrittivo è stato eseguito ieri ed i due indagati, che dovranno rispondere delle pesanti accuse di concorso in rapina aggravata, violenza privata e lesioni personali, sono stati trasferiti nella casa circondariale di Spoleto.

ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_perugia

    L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


      trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

      "Innovare
      è inventare il domani
      con quello che abbiamo oggi"

      Grazie per il tuo interesse.
      A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!