Mama boys, sequestrato il supermercato dello droga a Fontivegge - Tuttoggi

Mama boys, sequestrato il supermercato dello droga a Fontivegge

Alessia Chiriatti

Mama boys, sequestrato il supermercato dello droga a Fontivegge

Pesticidi e carcasse di topi, alimenti scaduti o senza etichette / Usl1 sequestra 550kg di merce
Gio, 26/02/2015 - 11:39

Condividi su:


Sigilli della polizia per il “supermercato della droga” di Perugia, nella zona di Fontivegge: l’African Shop Mama, al centro dell’operazione degli agenti del capoluogo umbro, al lavoro con quelli di Ancona e Viterbo, denominata “Mama Boys” hanno così chiuso, nel pomeriggio di ieri (25 febbraio, ndr) il negozio etnico di Via Curtatone e Montanara. Gli arresti, culminati con l’operazione all’alba di ieri, hanno inoltre portato alla cattura di 10 nigeriani e all’espulsione di 6 di loro.

Il negozio è stato chiuso dopo un controllo ispettivo dell’Azienda Sanitaria Locale Umbria 1, che ne ha accertato le condizioni. Sconcertante, secondo gli agenti, la situazione igienico-sanitaria riscontrata all’interno del negozio, autorizzato anche al commercio di generi alimentari. Il personale specializzato della USL 1 di Perugia, appartenente al Dipartimento Prevenzione – Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione e Servizio Alimenti di Origine Animale, ha immediatamente notato che vi erano gravissime violazioni alle norme che disciplinano la vendita degli alimenti. La più grave, per la quale la titolare dovrà rispondere certamente in maniera più pesante, è legata al ritrovamento, all’interno del locale, prima di topicida in “grani” sparso dappertutto, e poi della carcassa di un topo. Alla fine dell’ispezione, tutti i generi alimentari deperibili e deperiti (per un totale di 550 kg) sono stati sequestrati grazie all’intervento di una ditta specializzata; il personale della Usl provvederà a redigere le relative sanzioni. Con probabilità, dopo gli accertamenti penali e amministrativi, verrà revocata la licenza di vendita. Il locale è ora a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Nello specifico si tratta di: congelamento di prodotti di diversa origine e natura in assenza di idonea attrezzatura; del ritrovamento di alimenti scaduti o congelati all’origine sconfezionati tenuti alla rinfusa nel congelatore, con evidenti segni di bruciature e brinature da freddo; o ancora del ritrovamento di alimenti senza alcuna etichettatura, locali sporchi e condizioni fatiscenti.

©Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!