Liomatic, mobilità per 151 addetti / A rischio anche ammortizzatori sociali

Liomatic, mobilità per 151 addetti / A rischio anche ammortizzatori sociali

Allerta per sei regioni / Sindacati si attivano / All’origine la crisi e la concorrenza sui prezzi


share

151 addetti in mobilità, su un complessivo di 609 dipendenti, distribuiti su sei regioni: è questo il triste bilancio che sta riguardando la Liomatic s.p.a. Un’altra azienda, in Umbria, dopo la Grifo, la ex Merloni e l’Ast, solo per citarne alcune, che prova a combattere la crisi, con evidenti ripercussioni sui lavoratori. C’è dunque forte preoccupazione tra questi ultimi e le OO.SS., in attesa del primo confronto che si terrà a Roma il 20 Ottobre.
La situazione è fortemente critica per i lavoratori della nostra Regione – affermano dai sindacati – in quanto oltre 60 esuberi sono previsti nelle unità operative di Perugia, Terni e San Giustino, ma a rendere ancora più grave la situazione e particolarmente complessa la trattativa è la mancanza di ammortizzatori sociali da poter utilizzare per “ gestire “ gli esuberi annunciati.
L’azienda Liomatic nel corso degli ultimi anni si è caratterizzata per un forte sviluppo della propria competitività sul piano nazionale nel mercato dei distributori di bevande a mezzo di distributori automatici, attraverso numerose acquisizioni di società che ne hanno fatto uno dei Leader del settore.
Oggi, anche a seguito di una normativa nel settore alquanto lacunosa, caratterizzata da una forte concorrenza sul prezzo, accentuata anche dalla crisi economica si trova in difficoltà ed intraprende una azione di riorganizzazione tutta incentrata sulla riduzione del personale.
Le OO.SS. dopo aver avuto diversi incontri con il personale dipendente hanno potuto constatare la fortissima preoccupazione dei dipendenti che rischiano di perdere il lavoro senza poter contare su nessun ammortizzatore sociale in quanto l’azienda non è beneficiaria di trattamento di cassa integrazione straordinaria e nemmeno della mobilità a seguito di un inquadramento INPS alquanto particolare che sarà oggetto di valutazione da parte sindacale.
Nel frattempo i lavoratori si sono costituiti in Rappresentanza Sindacale Aziendale ed hanno indetto per Venerdì 10 Ottobre una Assemblea Sindacale nei locali aziendali di Perugia durante la quale verranno illustrate nel dettaglio tutte le criticità di una vertenza che si prospetta alquanto irta di ostacoli”.

share

Commenti

Stampa