Lavoro irregolare, 4 persone denunciate dalla Polizia - Tuttoggi

Lavoro irregolare, 4 persone denunciate dalla Polizia

Redazione

Lavoro irregolare, 4 persone denunciate dalla Polizia

Mar, 09/10/2012 - 14:34

Condividi su:


Nell’ambito dei controlli della sussistenza dei requisiti di legge per accedere alla procedura di regolarizzazione dei lavoratori, gli agenti della 3° Sezione dell’Ufficio Immigrazione hanno denunciato nei giorni scorsi quattro persone, due italiani e due bengalesi per falsità materiale commessa da privato e, in un caso, anche per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.
Il primo caso vede coinvolti un ternano di 63 anni e due bengalesi di 32 e 26 anni. Dalla domanda di regolarizzazione presentata per via telematica, risultava che l’italiano aveva alle sue dipendenze il 26enne bengalese; quando gli agenti hanno telefonato a casa dell’uomo, per accertare appunto l’esistenza di un rapporto di lavoro, la moglie è caduta dalle nuvole, dichiarando che non solo non avevamo mai avuto un domestico, ma che neanche avrebbero potuto permetterselo, dato che sia lei che suo marito erano pensionati ed avevano a carico il figlio disoccupato. Poco tempo dopo la telefonata, il marito si è presentato spontaneamente negli uffici della 3° Sezione dell’Immigrazione ed ha confermato che era stato proprio lui ad effettuare la domanda di emersione a favore dello straniero, straniero che gli era stato presentato da un altro bengalese che gli aveva promesso un compenso di 1.000 euro a procedura ultimata. Lo stesso giorno, gli agenti hanno interrogato anche l’altro straniero che ha confermato quanto detto dal ternano, tranne che per il compenso, ha infatti negato ogni tipo di transazione economica. Naturalmente la pratica è stata annullata, anche se regolarmente presentata, per la completa inesistenza di un rapporto di lavoro tra l’italiano e il bengalese e i tre sono stati denunciati per falso e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.
L’altro caso vede per protagonista un’anziana signora italiana, residente in provincia di Terni. Si è presentata alcuni giorni fa all’Ufficio Immigrazione dichiarando di aver ricevuto dei bollettini per il pagamento dei contributi INPS nei confronti di due cittadine straniere, che avrebbe avuto alle dipendenze come badanti. La donna, di 89 anni, ha detto agli agenti di non aver mai avuto badanti straniere, ed ha aggiunto: “Sicuramente qui c’è lo zampino di mio figlio!”, dato che, ha aggiunto, l’uomo le aveva preso i bollettini, dicendo che avrebbe sistemato la faccenda. Dagli accertamenti e dalle testimonianze raccolte, gli agenti hanno appurato che le domande di regolarizzazione delle straniere, nel 2009, erano state presentate dal figlio, munito di delega della madre, che mostrava la firma della signora completamente diversa da quella reale. Le straniere regolarizzate in questo modo sono risultate tre: una nigeriana, una francese e una marocchina, tutte e tre sono state assunte, naturalmente a sua insaputa, dalla signora, ottenendo perciò un regolare permesso di soggiorno. Per tutte e tre le straniere, che non hanno mai lavorato a casa della donna, sono state avviate le procedure di revoca del permesso di soggiorno. Il figlio, già gravato da diversi precedenti di polizia, è stato denunciato per falsità materiale.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!