Juventus campione d’Italia. Porta Romana si tinge di bianco-nero. Guarda le foto - Tuttoggi

Juventus campione d’Italia. Porta Romana si tinge di bianco-nero. Guarda le foto

Redazione

Juventus campione d’Italia. Porta Romana si tinge di bianco-nero. Guarda le foto

Lun, 07/05/2012 - 12:24

Condividi su:


Juventus campione d’Italia. Porta Romana si tinge di bianco-nero. Guarda le foto

Fabio Muzzi
Il triplice fischi del campo neutro di Trieste dove si sfidano Cagliari e Juventus, giunge quando il derby di Milano è ancora in corso, ma i due gol di scarto che distanziano l’Inter dal Milan, consentono ai tifosi juventini di Foligno di iniziare a riversarsi a Porta Romana. Cagliari-Juventus 0-2 da una parte, Inter-Milan 4-2 dall’altra, regalano con anticipo la certezza della matematica: la Juventus è campione d’Italia 2011/2012.
Tempo mezz’ora e lo storico ritrovo in cui i folignati si radunano per festeggiare le imprese sportive, si tinge di bianco-nero. La statua dell’Alunno – visibilmente perplessa dopo esser stata colorata, la scorsa settimana, dal giallo-blu della Nuova Fulginium addobbata con tanto di bombetta – torna testimone del giubilo collettivo per una squadra ben più blasonata e si veste del bianco nero che già tante volte aveva indossato. La fitta pioggia non ha fermato un festeggiamento atteso per sei lunghi – e mai così travagliati – anni. Centinaia di tifosi sotto la statua fin sulla strada, auto che sventolavano bandiere e strombazzavano clacson, il traffico in tilt, fumogeni, cori da stadio, motorini incuranti del diluvio, e una miriade di maglie bianconere, la maggior parte con il numero 10 del giocatore simbolo Del Piero e alcune storiche, memori del recente passato da calciatore dell’allenatore, con il numero 8 di Conte.
I lunghi festeggiamenti a Porta Romana sono poi proseguiti attraverso il centro storico, il carosello di bandiere e cori ha percorso Corso Cavour in direzione Piazza della Repubblica, dove a tarda notte i tifosi, tanto felici quanto bagnati dalla pioggia, si sono gradualmente dispersi.


Condividi su:


Aggiungi un commento