Judo: L’umbertidese Gaia Marchetti vola a Zagabria per l’European Cup U18 - Tuttoggi

Judo: L’umbertidese Gaia Marchetti vola a Zagabria per l’European Cup U18

Redazione

Judo: L’umbertidese Gaia Marchetti vola a Zagabria per l’European Cup U18

Mer, 05/03/2014 - 13:55

Condividi su:


ZAGABRIA – L’umbertidese Gaia Marchetti vola a Zagabria per l’European Cup U18. L’atleta del Kodokan Judo Fratta sabato si misurerà con le migliori atlete d’Europa. Dopo i piazzamenti al Torneo internazionale Alpe Adria e ai recenti Campionati Italiani cadetti, l’atleta del Kdk Fratta ha maturato il diritto di difendere i colori della nazionale nei tornei di Coppa Europa. Gaia, che gareggia nella categoria dei 52Kg, affronterà per la prima volta il tatami europeo con la consapevolezza che si tratta di una sfida difficile ma non impossibile: “Con Gaia – afferma Franco Bruni, consigliere del club Umbertidese – sono tre i ragazzi di Umbertide che approdano in European Cup. L’ennesima dimostrazione di come il nostro club, anche se con mille difficoltà, porti avanti con successo il progetto giovani. Gaia a solo 15 anni e rappresenta l’ultimo frutto del nostro inesauribile settore giovanile”.
Il Kodokan Fratta di Umbertide è una delle principali scuole di judo d’Italia. Grazie a una politica incentrata sui giovani non solo ha prestato valorosi judoka allo staff della nazionale ma ha soprattutto contribuito a crescere centinaia di minijudoka secondo i valori della nobile arte marziale. “Da tantissimi anni – ha proseguito Bruni – il nostro club è impegnato in progetti con le scuole elementari del territorio. I corsi di judo-scuola prevedono una sana attività motoria abbinata ai valori della nostra disciplina. Chi pratica il judo possiede uno spiccato autocontrollo e una naturale inclinazione al rispetto delle regole e dell’avversario. La pratica di questo sport durante le ore scolastiche contribuisce a ridimensionare fenomeni come il bullismo e favorisce la reciproca conoscenza fra i praticanti. Spesso dietro ad ogni bullo c’è un ragazzo insicuro che cerca conferme dietro ad azioni violente. Con la pratica costante del judo si acquisisce coscienza di sé e tranquillità interiore. Queste qualità serviranno sicuramente a Gaia quando salirà sul tatami a Zagabria”.
Dopo Nicola Becchetti e Matteo Lascialfari un altro atleta del Kdk si lancia nella sfida europea. “Abbiamo fatto un bel tris – conclude Bruni – ma non ci accontentiamo anche perché ben presto altri due atleti del nostro club gareggeranno in Europa: si tratta di Francesco Brachelente che proprio questa settimana ha scalato posizioni nella ranking list nazionale e Stella Brachelente alla quale manca solo un punto per staccare il biglietto per l’Europa”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!