Inaugurata Mostra del Fumetto, Vincenzo Mollica “Cavazzano è come Raffaello”

Inaugurata Mostra del Fumetto, Vincenzo Mollica “Cavazzano è come Raffaello”

Taglio del nastro per la 16^ esposizione dedicata più grande disegnatore vivente di fumetti Disney

share

E’ stata inaugurata ieri (sabato 15 settembre), con grande successo, la 16^ Mostra del Fumetto di Città di Castello, quest’anno dedicata al Maestro Giorgio Cavazzano, il più grande disegnatore vivente di fumetti Disney. In “Cavazzano 50. Disegni, colori & sogni” si può vedere una carriera lunga 50 anni raccontata in 500 tavole, esposte a Palazzo Bufalini, in pieno centro storico, in un percorso unico, il più grande mai dedicato a questo straordinario artista, tra tavole inedite, quadri, cartonati, scenografie, installazioni e proiezioni.

Mostra Fumetto, Città di Castello celebra 50 anni di attività di Giorgio Cavazzano

Il pomeriggio di apertura è stato diviso in due momenti, come da tradizione: presentazione e inaugurazione. La prima, svoltasi nell’affascinante Salone dei Fasti di Palazzo Vitelli a Sant’Egidio, ha visto intervenire e sfilare un parterre di tutto rispetto. Introdotti e presentati dal presidente degli “Amici del Fumetto” Gianfranco Bellini, hanno portato il loro saluto agli intervenuti, il sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta, l’assessore regionale alla Cultura Fernanda Cecchini, il presidente del GAL Alta Umbria Giuliana Falaschi, il Maestro Giorgio Cavazzano, il direttore artistico della mostra Vincenzo Mollica e il curatore della mostra Francesco Verni. Presenti anche tanti esponenti di spicco del mondo del fumetto quali Luca Boschi e Gianni Brunoro, due dei maggiori critici e studiosi del fumetto, Marco Gervasio, disegnatore Disney, lo sceneggiatore Francesco Artibani, il giornalista Riccardo Corbò e Sergio Cavallerin della Star Comics, oltre ai tanti cittadini e turisti.

Caloroso e lunghissimo è stato l’applauso a Vincenzo Mollica, direttore artistico e profondo amico della Mostra del Fumetto tifernate al quale il Comune di Città di Castello ha voluto donare i sigilli della città. Queste le sue parole: “Voglio ringraziare tutti, perché è sempre una festa quando il fumetto accende così tanto i cuori. Mi ero ripromesso di non venire più qui a Città di Castello, non per via di questi cari “Amici del Fumetto” che tanto adoro, ma per motivi di salute. Ma Giorgio Cavazzano è un pittore, un grande artista, anche se molti ancora non riconoscono il vero, grande valore dell’arte del fumetto. Non capiscono ancora la grandezza di questa espressione artistica di cui Cavazzano è uno dei più grandi autori… paragonarlo al Raffaello della pittura è poco perché ogni suo schizzo è un’opera d’arte riconoscibile nel tratto“.

Essere diventato un fumetto di Giorgio per me è un grande onore! Paperica sono io e io sono Paperica, tanto che ho già dato ordine di mettere nella mia futura tomba l’immagine di Paperica con su scritto: “Qui giace Vincenzo Paperica che tra gli umani fu Mollica”!”.

Queste invece le parole dell’emozionato Giorgio Cavazzano: “Se non fosse stato per l’amicizia che mi lega agli ‘Amici del fumetto’ questa mostra non ci sarebbe mai stata. Oggi invece sono un disegnatore felice perché, grazie a loro, posso vedere ricostruita alla perfezione tutta la mia vita in una sola mostra. Ci tengo a dire che non avrei voluto farla in nessun altro posto se non qui a Città di Castello ed è per questo che oggi sono doppiamente felice. Tutto ciò che ho disegnato in questi 50 anni, tutto ciò che mi ha reso vivo, potete ammirarlo qui. In mostra vedrete cose bellissime che rappresentano momenti indimenticabili della mia vita, momenti che non avrei mai vissuto se non avessi avuto al mio fianco mia moglie. Questi 50 anni di carriera sono divisi a metà con lei, con lei che mi ha voluto al suo fianco”.

Alle 18.30 tutti gli ospiti si sono poi spostati a Palazzo Bufalini per l’apertura ufficiale dell’esposizione. La mostra, ad ingresso gratuito, rimarrà aperta dal 15 settembre al 4 novembre con i seguenti orari: dal giovedì alla domenica, dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30.

share

Commenti

Stampa