In un anno persi 656 posti di lavoro nel territorio Foligno-Spoleto - Tuttoggi

In un anno persi 656 posti di lavoro nel territorio Foligno-Spoleto

Redazione

In un anno persi 656 posti di lavoro nel territorio Foligno-Spoleto

L'analisi di Mario Bravi ( Cgil Foligno.Spoleto-Valnerina), "La situazione del lavoro continua ad essere difficile e precaria"
Dom, 28/10/2018 - 08:03

Condividi su:


In un anno persi 656 posti di lavoro nel territorio Foligno-Spoleto

“La situazione del lavoro continua ad essere difficile e precaria nel territorio Foligno/Spoleto. Lo testimoniano i dati del Centro per l’Impiego territoriale, relativi a tutto il 2017, che essendo su base annuale, consentono una valutazione complessiva”.

Questa la premessa di una analisi della situazione  illustrata da Mario Bravi, Responsabile di Zona Foligno-Spoleto-Valnerina per la Cgil.

“Peraltro, anche i dati parziali, (dell’Osservatorio Nazionale sul Precariato dell’INPS), relativi al primo semestre 2018, confermano questo andamento tutt’altro che positivo.

I dati dell’INPS ci dicono che solo il 13,7% delle assunzioni sono a tempo indeterminato , mentre l’86,3% si confermano come caratterizzate da lavoro povero e precario.

Per quanto riguarda il dato complessivo del 2017, relativo al territorio Foligno-Spoleto, abbiamo avuto 25.355 attivazioni e 26.009 cessazioni, con una conseguente perdita di 656 unità lavorative.

Quindi nel nostro territorio alla perdita quantitativa si accompagna il peggioramento qualitativo.

L ‘andamento è diversificato nei comuni che compongono il Centro per l’Impiego di Foligno, con i seguenti dati.

A Bevagna c’è una differenza positiva pari a + 10 unità.Campello – 25.Cascia segna un +52.Castel Ritaldi invece -3.Mentre Cerreto di Spoleto segna un + 17.A Foligno c’è stata una perdita pari a 218 unità.Mentre a Giano dell’ Umbria siamo a + 22.Gualdo Cattaneo- 31.Gualdo Tadino- 68.Montefalco-5.Monteleone di Spoleto +2.Nocera Umbra -14.Norcia + 44.Poggiodomo +2.Preci + 9.Sant’Anatolia di Narco + 4,Scheggino + 1, Sellano + 1, Spello – 41.Spoleto – 301.Trevi – 109.Vallo di Nera + 2,Valtopina + 3.

Da questo quadro è possibile dedurre alcune linee di tendenza, che mettono in evidenza anche le differenze all’interno del territorio.

Tutti i comuni della Valnerina hanno un segno piu’ , relativo alla ricostruzione del postsisma del 2016, che pur non essendo sostanzialmente partita, comincia a produrre alcuni primi, anche se deboli ,effetti sul terreno occupazionale.

Gli altri comuni che hanno un segno positivo(Bevagna, Giano e Valtopina)hanno questi dati per motivazioni del tutto locali.

Il dato complessivo e’ comunque negativo e preoccupante ,soprattutto a Spoleto, dove, non a caso, tenendo conto della crisi industriale della città, si registra la perdita occupazionale piu’ rilevante!

Sono elementi su cui crediamo occorra riflettere ,per mettere in atto le azioni conseguenti alla tutela e alla creazione di lavoro anche in questo territorio.”

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!