In occasione dell’8 marzo, mostra fotografica  “Le Donne che fanno Todi” di Charlie Shaw e Marta Angeli Coarelli

In occasione dell’8 marzo, mostra fotografica “Le Donne che fanno Todi” di Charlie Shaw e Marta Angeli Coarelli

Un evento che mette insieme finalità artistiche e di solidarietà | Presso il Caffè ed il Foyer del Teatro Comunale

share

In occasione della Festa della Donna il Caffè ed il Foyer del Teatro Comunale ospitano la mostra “Le Donne che fanno Todi”, di Charlie Shaw e Marta Angeli Coarelli.
Un evento che mette insieme finalità artistiche e di solidarietà.

Promotore dell’iniziativa è l’Associazione Culturale Do it for Todi che intende mettere in risalto l’importanza delle donne nel tessuto cittadino.
Un evento focalizzato sulle donne imprenditrici, lavoratrici e creative, che giornalmente contribuiscono con il loro lavoro alla ricchezza della città di Todi, con impegno e serietà.

In mostra le opere delle artiste Charlie Shaw e Marta Angeli Coarelli, che con passione hanno selezionato e immortalato le donne che negli anni si sono contraddistinte con la loro tenacia nel portare avanti piccole e grandi realtà cittadine. Con l’intento di porre l’accento sul loro impegno, costanza e professionalità.

Le foto esposte potranno essere “acquistate” con una donazione, i cui utili verranno devoluti in beneficenza al Centro Speranza, fondato da una grande donna come Madre Speranza che ha creato dal nulla un importante punto di riferimento per le persone con disabilità dell’Umbria e per le loro famiglie e pone le donne in ruoli direttivi, amministrativi ed operativi nel settore sanitario, sociale e socio assistenziale. Gli organizzatori – affermano – di aver scelto questa grande realtà, caratterizzata da un’importante presenza femminile, perché “convinti che la solidarietà con cui opera giornalmente vada promossa e aiutata.”

L’inaugurazione della mostra è in programma l’8 marzo dalle ore 19:30 presso il foyer del Teatro Comunale di Todi, con un aperitivo e musica dal vivo di “Kenningar” e la partecipazione di Francesca Chiavari, ingresso gratuito. L’esposizione resterà visitabile fino a domenica 17 marzo.

 

share

Commenti

Stampa