Imu e Tasi, saldo entro metà dicembre

Imu e Tasi, saldo entro metà dicembre

Ecco tutte le disposizioni per il Comune di Foligno

share

Entro il prossimo 16 dicembre deve essere effettuato il pagamento del saldo, cioè la seconda rata, per l’Imu (Imposta Municipale Propria) e Tasi (Tributo per i servizi indivisibili) relativi all’anno in corso. Le aliquote e le detrazioni sono le medesime già utilizzate per il versamento dell’acconto, cioè la prima rata, lo scorso 16 giugno. Anche i valori di riferimento per le aree fabbricabili sono gli stessi, salvo che nel frattempo siano intercorse variazioni nelle condizioni delle aree in questione. Nell’occasione è importante verificare di aver proceduto al pagamento del conguaglio della Tasi 2015, vale a dire la differenza dovuta (oltre all’acconto e al saldo) da coloro che con riferimento alle scadenze dell’anno scorso, hanno effettuato i versamenti utilizzando le vecchie aliquote relative al 2014 e non quelle fissate per il 2015. In particolare per l’abitazione principale la detrazione complessiva per il 2015 è stata fissata a 25 (prima era 50 euro) ferma restando l’aliquota del 2 per mille. Per tutti gli altri immobili l’aliquota è stata aumentata dello 0,50 per mille. Unica a non subire variazioni è stata l’aliquota per le abitazioni a disposizione, confermata all’1 per mille. Qualora non si fosse proceduto al pagamento del conguaglio, ci si può ancora mettere in regola versando entro il 16 dicembre il dovuto con il meccanismo del cosiddetto “ravvedimento operoso”. E’ questa l’ultima opportunità per mettersi in regola spontaneamente ed evitare ulteriori sanzioni. Attraverso il sito internet istituzionale del Comune di Foligno (www.comune.foligno.pg.it) è possibile determinare autonomamente gli importi da versare per il saldo Imu o Tasi 2016 e determinare anche il conguaglio dovuto per la Tasi 2015, tenendo conto dei relativi versamenti già effettuati. Il servizio fiscalità sugli immobili del Comune di Foligno è a disposizione per ogni approfondimento o chiarimento sull’applicazione di Imu e Tasi.

share

Commenti

Stampa