Il forno crematorio di Perugia pronto per le vittime con Coronavirus in Italia

Il forno crematorio di Perugia pronto per le salme con Coronavirus in Italia

Redazione

Il forno crematorio di Perugia pronto per le salme con Coronavirus in Italia

Risposta positiva all'appello in caso di necessità
Gio, 26/03/2020 - 16:43

Condividi su:


Il forno crematorio di Perugia pronto per le salme con Coronavirus in Italia

L’Amministrazione comunale di Perugia ha messo a disposizione il forno crematorio del cimitero monumentale della città per far fronte all’anomala domanda di cremazioni dovuta al Coronavirus. Aderendo alla richiesta dell’associazione di settore Sefit Utilitalia e della Protezione Civile Nazionale, attraverso il portale dedicato https://www.cup-crematori.it.

Sulla base della situazione di ricettività degli impianti dichiarata dalla stessa amministrazione, le articolazioni nazionali, regionali, locali di Protezione Civile o le forze di polizia, che saranno messe nella condizione di accedere alla conoscenza di tale disponibilità, provvederanno a contattare il servizio di cremazione, a seconda delle necessità, della stessa disponibilità e della distanza geografica.

Sefit Utilitalia precisa che i primi test effettuati hanno consentito di trasferire parte delle cremazioni che gravitavano su crematori saturi nell’hinterland lombardo a zone con meno richieste, riducendo notevolmente i tempi di attesa.

Peraltro, il forno crematorio continuerà a garantire il servizio al proprio bacino o ambito di riferimento. Le cremazioni che volontariamente si propone di effettuare servono a disingolfare la situazione di emergenza di taluni territori, dove la potenzialità dei forni esistenti è nettamente insufficiente rispetto alla domanda connessa alla alta mortalità dovuta all’emergenza epidemica.

Con le terribili scene trasmesse in tutto il mondo da Bergamo, dove i camion militari hanno trasferito altrove le salme delle persone morte dopo essere state infettate dal Coronavirus, perché il locale forno crematorio è al collasso.


Condividi su: