Gualdo Tadino, prorogate ordinanze contro prostituzione e accattonaggio - Tuttoggi

Gualdo Tadino, prorogate ordinanze contro prostituzione e accattonaggio

Redazione

Gualdo Tadino, prorogate ordinanze contro prostituzione e accattonaggio

Lun, 30/11/2020 - 11:06

Condividi su:


Continua la lotta dell’Amministrazione comunale di Gualdo Tadino contro i fenomeni di accattonaggio, mendicità molesta e prostituzione.

Nella giornata odierna (lunedì 30 novembre) sono state firmate dal sindaco di Massimiliano Presciutti le ordinanze N° 386 e N° 407, che prorogano nel territorio comunale proprio il divieto dei fenomeni sopracitati.

Dopo aver introdotto queste due misure con successo nel 2018, per la prima volta a Gualdo Tadino, il primo cittadino ha quindi deciso di ribadirle per “contrastare il degrado urbano, tutelare l’immagine della città e la sicurezza dei cittadini favorendo la cultura della legalità. Gualdo Tadino è una comunità esempio di accoglienza e integrazione, ma dobbiamo combattere chi sfrutta in modo improprio le persone e specula su situazioni di disagio”.

Il nostro Comune è stato il primo in Umbria ad attuare ordinanze anti accattonaggio e anti prostituzione e vista l’efficacia dei provvedimenti successivamente altre città umbre e non solo hanno deciso di seguire il nostro esempio”.

Ordinanza anti prostituzione

Nello specifico l’ordinanza “anti prostituzione” N° 407 comunica che: “è fatto divieto dal 1 dicembre 2020 e fino al 30 aprile 2021 a chiunque di contattare soggetti che esercitano l’attività di prostituzione su strada o che, per atteggiamento, abbigliamento o modalità comportamentali manifestino comunque l’intenzione di esercitare tale attività, nonché concordare con gli stessi prestazioni sessuali sulla pubblica via. Consentire la salita sul proprio veicolo di uno o più soggetti dediti alla prostituzione costituisce conferma palese dell’avvenuta violazione della presente ordinanza”.

Il divieto, precisamente, si estende nelle seguenti aree e vie: area centro commerciale Porta Nova e vie di accesso (prive di denominazione); S.S. 444 del Subasio-Via Madonna delle Rotte; Via Totila; Via Perugia-zona Stadio comunale e antistadio; area della Stazione ferroviaria, Via della Stazione, Via del Biancospino, Via V.Veneto, area Eurospin, Via Tagliamento e tutte le piccole vie laterali presenti all’interno di dette aree e vie.

E’ fatto divieto a chiunque – si legge nell’atto – di porre in essere comportamenti diretti in modo non equivoco ad offrire prestazioni sessuali a pagamento, consistenti nell’assunzione di atteggiamenti di richiamo, invito, saluto allusivo o mantenere un abbigliamento indecoroso o indecente in relazione al luogo o mostrare nudità, ingenerando la convinzione di esercitare la prostituzione. Di chiedere, infine, informazioni a soggetti che pongano in essere i comportamenti descritti in precedenza e/o concordare con gli stessi prestazioni sessuali a pagamento”.

La violazione della presente ordinanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 150 a 500 euro. Nei confronti dei trasgressori che risulteranno recidivi, a partire dalla seconda violazione in poi, la sanzione verrà sempre applicata nella misura massima di 500 euro.

Ordinanza anti accattonaggio

L’ordinanza N° 386 riferita ai “fenomeni di accattonaggio e mendicità”, che hanno spesso luogo nei parcheggi dei centri commerciali o al mercato settimanale, “vieta con decorrenza immediata fino alla cessazione della situazione sopra enunciata e comunque non oltre il 30 aprile 2021, le suddette attività – con modalità ostinate, reiterate, continuative ed insistenti o minacciose – che turbino l’incolumità e la sicurezza dei cittadini o ne impediscano e/o limitino l’accesso, la fruizione o l’utilizzo di luoghi pubblici e aperti al pubblico, su tutto il territorio comunale; sono altresì vietate tali attività mediante il coinvolgimento di minori, anziani, disabili e lo sfruttamento di animali d’affezione […] E’ fatto inoltre divieto – dai luoghi pubblici fino alle scuole o luoghi di culto – porre in essere comportamenti finalizzati a chiedere denaro o altra utilità, ivi compreso rendersi disponibili a portare o scaricare merce, pacchi o borse o individuare posteggi liberi”.

Anche in questo caso i contravventori saranno puniti con una sanzione pecuniaria amministrativa da 150 a 500 euro.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!