Giudici accoltellati, condannato a 12 anni di carcere il 53enne di Spello - Tuttoggi

Giudici accoltellati, condannato a 12 anni di carcere il 53enne di Spello

Sara Minciaroni

Giudici accoltellati, condannato a 12 anni di carcere il 53enne di Spello

Per Ferracci un processo lampo celebrato a Firenze e nessuna infermità
Sab, 10/02/2018 - 07:36

Condividi su:


Dodici anni di reclusione. E’ questa la sentenza di condanna emessa dal giudice per le udienze preliminari di Firenze nei confronti di Roberto Ferracci, il 53enne di Spello che il 25 settembre dello scorso anno, aveva accoltellato i giudici del tribunale civile di Perugia, Umberto Rana e Francesca Altrui e un dipendente amministrativo, Giuseppe Alessandrini.

PROCESSO LAMPO

La sentenza è arrivata al termine del processo con rito abbreviato, dopo che la procura della Repubblica di Firenze, competente per i reati che coinvolgono magistrati perugini, aveva chiesto e ottenuto il giudizio immediato. Ieri mattina in aula, prima che il giudice si ritirasse in camera di consiglio, il sostituto procuratore aveva chiesto una condanna a 15 anni di reclusione.

CAPACE DI INTENDERE

Mentre l’avvocato di Ferracci, Silvia Olivieri, aveva sollecitato l’assoluzione per incapacità di intendere e di volere. Il giudice fiorentino ha inoltre condannato l’uomo al risarcimento delle spese di costituzione di parte civile dei due giudici aggrediti, che erano presenti nel procedimento assistiti dall’avvocato Francesco Maresca, lo stesso che ha sempre rappresentato la famiglia di Meredith Kercher.

TENTATO OMICIDIO PREMEDITATO

Il magistrato lo ha dunque condannato per tentato omicidio aggravato e premeditato, come aveva chiesto la procura. Ferracci incolpava la dottoressa Altrui della perdita dell’hotel di famiglia, quella pensione Julia di Spello finita all’asta per i debiti della famiglia e il 25 settembre scorso era uscito di casa con due coltelli nel marsupio e si era diretto nell’ufficio del giudice.

TERRORE IN TRIBUNALE

L’aveva aggredita con una lama di 25 centimetri, aveva cercato di infierire mentre lei si nascondeva sotto la scrivania, fortunatamente il collega Umberto Rana era intervenuto e l’aveva salvata, ricevendo purtroppo, a sua volta, una coltellata. La dottoressa Altrui, per il trauma fisico e psichico, non è ancora tornata in servizio.


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!