Furbetti del terremoto, intesa tra Finanza e protezione civile - Tuttoggi

Furbetti del terremoto, intesa tra Finanza e protezione civile

Redazione

Furbetti del terremoto, intesa tra Finanza e protezione civile

Sotto la lente affitti in nero o con prezzi troppo alti, ma anche contributi chiesti indebitamente
Mer, 07/12/2016 - 15:41

Condividi su:


Furbetti del terremoto, intesa tra Finanza e protezione civile

La fase critica dell’emergenza dopo il terremoto del 30 ottobre sembra stare terminando e così la protezione civile nazionale dà vita ad interventi per fare in modo che ad essere assistiti siano soltanto coloro  che ne abbiano pienamente diritto. Così, mentre è stato annunciato che tra un mese in albergo rimarrà soltanto chi ha casa inagibile, salvo alcune situazioni particolari, si lavora anche sulla strada della prevenzione delle truffe di vario tipo.

>> Terremoto, dal 7 gennaio fuori dagli alberghi chi non ne ha più diritto

Va quindi in questa direzione il protocollo d’intesa tra protezione civile e Guardia di finanza, che prevede una più stretta collaborazione tra i due enti, per garantire legalità e correttezza nell’ambito delle misure di sostegno rivolte alla popolazione colpita dal terremoto nel centro Italia. A firmare l’accordo, finalizzato a prevenire e contrastare condotte lesive degli interessi pubblici nel contesto emergenziale, sono stati il capo del dipartimento di protezione civile, Fabrizio Curcio, e il comandante generale della Guardia di finanza, generale di corpo d’armata Giorgio Toschi.

In particolare, l’intesa consentirà di intensificare l’azione di controllo della polizia economico-finanziaria per individuare eventuali casi di affitti in nero o a prezzi non in linea con quelli di mercato, nonché la prevenzione e repressione di eventuali casi di indebito ottenimento dei contributi per l’autonoma sistemazione o per i danni subiti.

Con questa firma aggiungiamo un altro importante tassello all’impegno dello Stato per garantire la massima trasparenza e correttezza nelle misure a favore delle popolazioni colpite dal sisma” ha detto l’ingegnere Curcio. “Crediamo fortemente – ha aggiunto – che la risposta a un’emergenza drammatica, che tocca le vite di tanti concittadini e vede impegnato tutto il Sistema nazionale di protezione civile, richieda uno sforzo straordinario anche nel prevenire e contrastare ogni possibile illecito o speculazione”.

Anche il generale Toschi ha espresso ampia soddisfazione per l’avvio dell’intesa, che rappresenta uno strumento di sostanziale potenziamento delle linee di presidio della legalità a tutela delle popolazioni delle regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo, colpite dai recenti eventi sismici.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!