Foligno si riscopre a vocazione turistica, dati in aumento e progetti in cantiere - Tuttoggi

Foligno si riscopre a vocazione turistica, dati in aumento e progetti in cantiere

Claudio Bianchini

Foligno si riscopre a vocazione turistica, dati in aumento e progetti in cantiere

I dati sulle presenze e sugli arrivi 'al centro de mondo' sono buoni e confermano il trend positivo
Gio, 18/10/2018 - 18:17

Condividi su:


“Foligno non è più la Cenerentola umbra sul fronte del turismo”. Lo aveva detto, con un moto d’orgoglio, lo stesso sindaco Nando Mismetti in una recente conferenza stampa, e ora ci sono anche i dati che lo confermano.

Soltanto nell’ultimo anno, i turisti in città, sono aumentati di circa un terzo e già il trend dell’ultimo periodo era positivo. Finito quindi l’effetto terremoto Centro Italia che aveva allontanato i grandi flussi nazionali e soprattutto internazionali, e merito anche del ricco cartellone di eventi e iniziative che hanno trasformato ‘il centro del mondo’ in un punto di attrazione non solo regionale.

Un fattore di primo piano lo gioca la caserma Gonzaga, Centro Nazionale di Selezione e Reclutamento dell’Esercito, che con i vari corsi e concorsi richiama a Foligno centinaia di persone provenienti da tutta Italia, facendo spesso registrare ‘il tutto esaurito’ sia alle strutture alberghiere che a bed&breakfast ed affitta camere.

Ma ora, la città dei Trinci sembra piacere sempre di più anche ai turisti stranieri, come conferma l’assessore al Turismo e Sviluppo Economico, Giovanni Patriarchi: boom del 28% di arrivi e balzo del 15% per quello che riguarda le presenze.

Foligno, ribattezzata non a caso ‘Rosa dell’Umbria’ per essere al centro di un comprensorio che ricomprende alcuni dei Borghi più belli d’Italia come Spello, Trevi, Bevagna e Montefalco, ma anche logisticamente strategica per visitare Assisi Perugia Todi Orvieto Spoleto e la Valnerina, ora comincia a diventare attrattiva anche di suo.

Proprio per questo, l’amministrazione comunale, in sinergia con operatori del settore e associazioni culturali del territorio intende rilanciare un’ottica di promozione di area vasta, all’insegna del brand ‘Valle Umbra’ che ricomprenda – per l’appunto – le realtà che vanno da Assisi, passando per Foligno sino a Spoleto, includendo i rispettivi comprensori.

Le recenti iniziative del biglietto unico per i musei cittadini, il circuito degli oratori, il progetto – ancora da concrettizare – per unire Palazzo Trinci al Museo delle Canoniche attraverso il ponte su via XX Settembre vanno in questa direzione.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!