Foligno, concluso progetto “Polline” per promozione territori Valle Umbra Sud - Tuttoggi

Foligno, concluso progetto “Polline” per promozione territori Valle Umbra Sud

Redazione

Foligno, concluso progetto “Polline” per promozione territori Valle Umbra Sud

Promosso, tra gli altri, dalla cooperativa sociale ‘Centro Servizi Foligno’, con la “Fondazione Barbanera 1762”
Lun, 23/10/2017 - 14:59

Condividi su:


Si è concluso il progetto di promozione dei territori della Valle Umbra Sud “residenza narrativa di Polline – Festival delle comunità narranti”, promosso dalla cooperativa sociale ‘Centro Servizi Foligno’, in collaborazione con la “Fondazione Barbanera 1762”,  i Comuni di Bevagna, Foligno, Gualdo Cattaneo, Spello, Trevi e Valtopina e lo IAT – Valle Umbra Sud.

Ne hanno parlato, tra gli altri, l’assessore del Comune di Foligno, Giovanni Patriarchi, il presidente della cooperativa Mirko Speziali oltre ai due professionisti in residenza, il film-maker campano, Pasquale Napolitano, e lo scrittore umbro, Jacopo Giombolini.

Speziali ha ricordato l’iter che ha portato alla realizzazione della residenza mettendo in risalto il valore della sinergia tra i Comuni coinvolti, l’ufficio turistico e le professionialità provenienti da altre regioni. L’assessore Patriarchi ha messo l’accento sulla proficua collaborazione tra il suo assessorato e la cooperativa per l’implementazione del progetto. I due narratori, ospitati da due realtà del territorio (‘L’angolo del Macramé’ di Spello e ‘Ortoingiro’ di Valtopina), hanno raccontato la loro esperienza in Umbria e le loro idee riguardanti la restituzione del racconto. Dopo aver incontrato e documentato aziende agricole, agriturismi, artigiani e progetti di innovazione del territorio, il loro lavoro si concretizzerà in un’installazione multi e intermediale che trasformerà nel mese di novembre lo IAT di Porta Romana in una reale vetrina del territorio, rivolta a cittadini e turisti che potranno vivere un’esperienza immersi nei colori, luci e parole di un territorio che ha ancora molto da raccontare.


Condividi su:


Aggiungi un commento