Fioritura Castelluccio come evento, unanimità per la mozione di Vincenzo Bianconi - Tuttoggi

Fioritura Castelluccio come evento, unanimità per la mozione di Vincenzo Bianconi

Redazione

Fioritura Castelluccio come evento, unanimità per la mozione di Vincenzo Bianconi

Mer, 09/09/2020 - 10:57

Condividi su:


Fioritura Castelluccio come evento, unanimità per la mozione di Vincenzo Bianconi

Integrazione della mozione con un emendamento della Lega, che impegna la Giunta a “riconoscere la ‘Fioritura come evento di interesse e identitario umbro

L’Aula di Palazzo Cesaroni ha approvato all’unanimità dei presenti la mozione promossa dal consigliere Vincenzo Bianconi (Gruppo misto), integrata da un emendamento del gruppo della Lega, che impegna la Giunta a “riconoscere la ‘Fioritura di Castelluccio di Norcia’ come evento di grande interesse ed identitario dell’immagine e dei valori con i quali la Regione Umbria si presenta in Italia e nel mondo.

E a supportare ogni anno l’evento al fine di garantire una adeguata organizzazione, immagine, sicurezza, animazione e sviluppo, rispondente alle aspettative delle popolazioni locali e delle decine di migliaia di fruitori nazionali ed internazionali”.

Inoltre con l’emendamento dei consiglieri della Lega, con primo firmatario Stefano Pastorelli, si impegna la Giunta a “prevedere la promozione prodotti tipici locali e di tutti gli sport ed attività out-door sostenibili in questo territorio, come ad esempio le pratiche ippiche, sport di volo, cicloturismo e trekking per la ripresa economica post sisma di tutto il comprensorio”.

La mozione illustrata da Bianconi

Nell’illustrazione dell’atto BIANCONI ha ricordato che “la ‘Fioritura di Castelluccio di Norcia’ è forse l’evento naturalistico più attrattivo d’Italia e dovrebbe essere considerato dalla Regione come uno dei grandi eventi che caratterizzano l’identità di questa terra e la sua immagine nel mondo.

A conferma di ciò, durante il periodo estivo della fioritura, la Piana di Castelluccio è stata visitata da decine di migliaia di turisti.

Un evento straordinario in crescita costante negli ultimi 20 anni, che quest’anno ha avuto una crescita a due cifre, arrivando ad essere l’evento naturalistico che produce il più alto numero di presenze turistiche nella nostra regione. Ma allo stesso tempo è un evento non strutturato.

Il rischio di criticità e di danni che si possono creare all’ambiente, alla popolazione e ai visitatori inizia ad essere importante. Anche quest’anno siamo stati fortunati.

Ora possiamo operare con un anno di anticipo, programmando affinché la prossima fioritura sia un evento strutturato. Quest’anno l’occupazione generata dalla Fioritura ha riempito gli alberghi fino ad Assisi. Serve pianificare con una visione alta e ambiziosa.

Occorre organizzare per far sì che l’evento possa generare valore. Una buona organizzazione genera la tutela dell’ambiente, valorizza l’esperienza dei visitatori e garantisce standard minimi di sicurezza”.

Gli interventi in aula

Thomas DE LUCA (M5S): “Sono assolutamente favorevole alla mozione. La Fioritura è una questione prioritaria per la Regione sotto il profilo turistico e dell’immagine dell’Umbria nel mondo. L’obiettivo deve essere conciliare la fruibilità della Piana di Castelluccio con la necessità di tutelare un santuario ambientale come questo. Un patrimonio inestimabile che i visitatori devono poter vivere in maniera civile, senza code chilometriche e con un sistema di mobilità razionale. La Fioritura deve essere un volàno per il turismo e l’economia non solo del cratere”.

Valerio MANCINI (Lega): “Il brand Valnerina attira, va aiutato e perseverato. Come Seconda commissione siamo andati a Castelluccio per ascoltare chi vive il territorio. Serve costituire un sistema della Valnerina e di Castelluccio. Nelle Dolomiti patrimonio dell’Unesco ci sono parcheggi interrati, funivie, piste ciclabili in cemento che rispettano l’ambiente. In Valnerina non si riesce a tagliare un albero senza conseguenze. Dobbiamo ragionare in ambito legislativo in modo diverso. Da anni questo territorio aspetta rispetto e possibilità di crescita. Ci sono troppe competenze diverse, perché in passato non si è ragionato della Valnerina come sistema.”.

Stefano PASTORELLI (Lega): “Come gruppo Lega abbiamo lavorato a questo emendamento, condiviso con il proponente, per dare un ulteriore segnale di vicinanza al territorio. Con la Seconda commissione abbiamo avuto modo di visionare le problematiche di quei luoghi. Nei mesi scorsi abbiamo apprezzato gli spot televisivi in cui questo territorio veniva ben esaltato. Noi dobbiamo mandare segnali e stare vicini con i fatti. In passato ci sono stati molti atti di indirizzo che poi sono stati disattesi. E a rimetterci sono i cittadini. Come maggioranza abbiamo un approccio pragmatico. Ogni anno verificheremo l’impegno della Regione per la Fioritura”.

Donatella PORZI (Pd): “Bene la mozione di Bianconi dalla quale si evince l’amore per la sua terra, che questa Aula condivide. La campagna promozionale di questo anno è stata azzeccata e ben fatta per rappresentare un’Umbria minore. Colgo il segno di condivisione, ma leggo nell’emendamento un leggero disimpegno. Però le premesse ci sono e confidiamo nella Giunta che nei prossimi bilanci troveremo le risorse necessarie per ben finanziare tutto quello di cui ha bisogno questo parco. Siamo contenti che ci sia questa identità di vedute per promuovere queste perle della nostra Regione”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Verisone più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!