FINANZIARIA - Tuttoggi

FINANZIARIA

Redazione

FINANZIARIA

Lun, 01/10/2007 - 17:28

Condividi su:


“Nella Legge Finanziaria si intravedono i primi passi di un percorso positivo per alleggerire il carico fiscale e burocratico sulle piccole imprese. Ancora timidi, invece, gli interventi sul fronte della riduzione della spesa”.

Questo il commento espresso dal Presidente di Confartigianato Imprese Perugia – Massimo Nocetti – e dal Segretario – Stelvio Gauzzi – secondo i quali “va nella giusta direzione la riduzione dell'Ires e la novità dell'ammissione opzionale a questo regime fiscale anche per le ditte individuali e le società di persone”.

Giudizio positivo anche per “il recepimento della richiesta di Confartigianato di semplificazione e forfetizzazione degli adempimenti e carichi fiscali per le imprese meno strutturate”.

Secondo Nocetti e Gauzzi “è altrettanto apprezzabile la riduzione della pressione fiscale che deriva dal taglio dell'aliquota Irap. Sembra chiudersi il brutto capitolo che lo scorso anno ha coinvolto le piccole imprese nella revisione degli studi di settore”.

Il Presidente Nocetti e il Segretario – Gauzzi – valutano positivamente anche le misure per la riduzione dell'Ici, il mantenimento delle agevolazioni per la ristrutturazione degli edifici e gli incentivi per interventi di risparmio energetico.

Esprimono invece “delusione per la mancata riduzione della pressione fiscale sui consumi energetici delle piccole imprese che pagano l'energia elettrica il 52,6% in più rispetto alla media Ue”.

Inoltre, Nocetti e Gauzzi giudicano “ancora troppo timidi gli interventi per ridurre la spesa pubblica. “Siamo ancora lontani dai comportamenti virtuosi di altri Paesi europei, come ad esempio la Germania, che sono intervenuti con coraggio riuscendo a far diminuire in misura consistente la spesa pubblica”.

“La strada intrapresa dal Governo – aggiungono Nocetti e Gauzzi – deve proseguire con una decisa azione riformatrice per aggredire i nodi che ancora bloccano le potenzialità di crescita delle nostre imprese. Servono interventi decisi per tagliare sprechi e inefficienze, per continuare a diminuire la pressione fiscale e burocratica sulle imprese, per procedere con le liberalizzazioni, per liberare risorse da destinare allo sviluppo e al rilancio della competitività del nostro sistema produttivo”.


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!