Fattorie Novelli, Lucidi “Per Spoleto servono investimenti entro fine anno”

Fattorie Novelli, Lucidi “Per Spoleto servono investimenti entro fine anno”

Il futuro di Fattorie Novelli e l’accordo con il gruppo Eurovo tra i temi al centro del tavolo al Mise | Lucidi “Inammissibile che ci sia una curatela più buona dell’altra”

share

“Sono molte le novità, alcune delle quali clamorose, emerse durante la riunione del 2 agosto al Mise e riportate solo parzialmente da alcune testate”. E’ quanto sostiene il senatore del Movimento 5 stelle Stefano Lucidi in merito al tavolo di due giorni fa al ministero dello Sviluppo economico sulle vertenze Ex Novelli – Alimentitaliani.

Di seguito la nota del parlamentare umbro di maggioranza.


Ex Novelli, per il panificio c’è un piano | Annullamento vendita, confronto tra curatele


“Nel comunicato sindacale si legge che: “il Ministero riconvocherà il tavolo a metà settembre … per capire se l’azienda affittuaria del marchio, leader europeo nella produzione di uova possa in qualche modo farsi carico della struttura spoletina”, e questo perché durante la riunione è timidamente emerso che, esiste si un contratto che vincola il fallimento Alimentitaliani ad acquistare dalle Fattorie, ma non è detto che questo venga rispettato durante l’affitto del ramo d’azienda che detiene il marchio Ovito. Per questo serve un nuovo incontro ed è palese che queste garanzie vincolanti, avrebbero dovuto già essere parte delle condizioni di affitto.

Altro aspetto clamoroso: si è iniziato a parlare di legittimità delle procedure e del conflitto tra curatele arrivando a chiedere una interpretazione giuridica da parte del Ministero della Giustizia. In effetti alla conta dei fatti si parla, considerando anche Muggiò di 3 fallimenti, 3 curatori fallimentari, 4 sequestri e 4 tribunali che lavorano sulla questione e 4 sequestri. Non è chiaro chi possa dire la sua sull’intreccio giuridico, chi potrebbe sciogliere questo nodo di Gordio, il CSM oppure il Ministero stesso. Resta il fatto che oramai è più un problema giudiziario che di sviluppo economico.

Fermo restando che al di sopra di tutto dovrebbe esserci l’interesse dei lavoratori e delle famiglie, non trovo ammissibile che ci sia una curatela più buona dell’altra, perché da tempo echeggia il fatto che il fallimento di Terni sta danneggiando il fallimento di Castrovillari.

Ritengo fondamentale invece per i prossimi mesi l’apertura di una cabina di regia regolare e costante a cadenza giornaliera che esegua il monitoraggio della procedura di affitto, giorno per giorno, ora per ora, gallina per gallina, uovo per uovo. Per non trovarsi ancora una volta di fronte al fatto compiuto contro il quale non c’è nulla da fare, anche alla luce del fatto che servono investimenti seri per Spoleto ma entro il 2018, visto anche il cambio di normativa di produzione previsto per il 2019.

Ho trovato significativo l’intervento della Regione Umbria rappresentata solo dal dirigente Rossetti, unico presente, il quale finalmente dopo anni di inerzia e frasi di circostanza ha almeno provato a far trasparire un po’ di rigidità dell’istituzione come è giusto che sia. Meglio tardi che mai.

In conclusione: ci sono degli aspetti che oramai appartengono al dimenticatoio: Cisterna di Latina e Muggiò oggi sono solo degli  immobili, e per l’Umbria nessuna menzione delle centinaia di posti di lavoro persi tra diretti e indiretti”.

share

Commenti

Stampa