Estorsione aggravata pur essendo ai domiciliari, 32enne torna in carcere

Estorsione aggravata pur essendo ai domiciliari, 32enne torna in carcere

Redazione

Estorsione aggravata pur essendo ai domiciliari, 32enne torna in carcere

Ven, 01/07/2022 - 16:28

Condividi su:


L'uomo è stato tradotto al carcere di Perugia dopo l'analisi della situazione da parte del tribunale di Spoleto

Estorsione aggravata pur essendo ai domiciliari fanno tornare il presunto responsabile in carcere. Alcuni giorni fa gli Agenti del Commissariato di Foligno hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 32enne italiano, ritenuto responsabile del delitto di estorsione aggravata ai danni di un proprio conoscente. 

L’uomo aveva precedenti

Tale provvedimento, emesso dal G.I.P. presso il Tribunale di Spoleto, ha raggiunto un soggetto gravato da numerosi precedenti per reati contro il patrimonio e che si trovava già agli arresti domiciliari in relazione ad una distinta ma analoga vicenda estorsiva. Gli accertamenti investigativi realizzati dagli uomini del Commissariato sotto il coordinamento della Procura della Repubblica spoletina hanno permesso di ricostruire una serie di minacce per mezzo del telefono che l’indagato rivolgeva da settimane ad un conoscente. In particolare, il 32enne gli aveva intimato di consegnargli nel giro di pochi giorni una somma pari ad alcune centinaia di euro, rappresentando che, in caso contrario, non avrebbe esitato a recarsi a casa sua facendolo pentire di non aver assecondato le richieste. 

Timori della vittima delle minacce

Benché ristretto agli arresti domiciliari, l’uomo era così riuscito ad ingenerare un serio timore nella propria vittima designata, anche approfittando di una sua condizione di particolare vulnerabilità. Effettuati i necessari riscontri, i poliziotti hanno immediatamente percepito la serietà e credibilità delle minacce, anche alla luce dei precedenti specifici del soggetto, ed hanno dunque prospettato tale situazione alla competente A.G. L’aver portato alla luce questa nuova vicenda estorsiva ha allora indotto la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Spoleto a chiedere – ottenendolo – l’immediato aggravamento della misura cautelare a carico del 32enne, con la sostituzione degli arresti domiciliari con la custodia cautelare in carcere. Quando il G.I.P. spoletino ha emesso il relativo provvedimento, agli Agenti non è rimasto che raggiungere l’indagato ed associarlo presso la casa circondariale di Perugia. Il soggetto deve comunque presumersi innocente sino alla sentenza di condanna definitiva.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!