ELISABETTA PICCOLOTTI ESPRIME "SODDISFAZIONE" PER L'APPROVAZIONE IN CONSIGLIO COMUNALE DEL PIANO D'AMBITO DEI RIFIUTI - Tuttoggi

ELISABETTA PICCOLOTTI ESPRIME “SODDISFAZIONE” PER L'APPROVAZIONE IN CONSIGLIO COMUNALE DEL PIANO D'AMBITO DEI RIFIUTI

Redazione

ELISABETTA PICCOLOTTI ESPRIME “SODDISFAZIONE” PER L'APPROVAZIONE IN CONSIGLIO COMUNALE DEL PIANO D'AMBITO DEI RIFIUTI

Sab, 16/04/2011 - 09:01

Condividi su:


L’assessore alle politiche ambientali, Elisabetta Piccolotti, ha espresso “soddisfazione” per l’approvazione avvenuta giovedì in Consiglio del piano d’ambito dei rifiuti, con le osservazioni della giunta.
“Con tale voto il Consiglio comunale ha dato risposta ad un lungo lavoro di studio che l’amministrazione ha portato avanti al fine di costruire una programmazione del ciclo dei rifiuti intelligente e coerente con l’obiettivo della tutela ambientale” ha spiegato l’assessore. “La giunta ha lavorato per anticipare l’anno di raggiungimento dell’obiettivo del 65% di raccolta differenziata, ipotizzato dal piano dell’Ati, anticipandolo dal 2014 al 2013. Le osservazioni approvate sottopongono a tutti i Comuni dell’Ati non solo la necessità di potenziare la raccolta differenziata ma anche quella di migliorarne l’efficienza e l’organizzazione, per recuperare un ritardo che non caratterizza soltanto noi ma l’intera regione e anche molte città italiane”. L’assessore ha replicato a Stefania Filipponi (Impegno Civile) che sosteneva il fatto che a Spoleto la tariffa fosse più bassa che a Foligno. “Forse la Filipponi dimentica che giustamente la città di Spoleto riceve da tutti gli altri Comuni risorse cospicue – ha detto l’assessore – in compensazione del disagio e dell’inquinamento dovuto alla presenza sul proprio territorio della discarica che raccoglie i rifiuti di tutti”. Sul tema della tariffa la Piccolotti chiarisce che “in questi anni, e ancora oggi, la città di Foligno ha una tariffa dei rifiuti tra le più basse dell’Umbria e anche della media nazionale, per questo la polemica della consigliera Filipponi è da considerarsi pretestuosa perché non solo cerca di nascondere questa realtà ma rischia di creare una confusione montata ad arte il cui unico risultato sarà quello di far dimenticare ai cittadini che una efficiente raccolta dei rifiuti, anche se comporta alcuni aumenti dei costi, si configura come un vero e proprio investimento per il futuro. Spendere denaro per la raccolta differenziata oggi, significa produrre occupazione, sostenere tante piccole aziende che usano il materiale riciclato, ma soprattutto non essere costretti nei prossimi anni a dover gettare quello stesso denaro in una discarica o in un inceneritore. L’amministrazione infatti è orientata a mettere in campo quelle misure di lungo periodo che serviranno a calmierare le tariffe ed impedire forti aumenti improvvisi. In un Paese in cui molte città, tra cui Napoli e Palermo, hanno fatto capire che il tema rifiuti non può essere trattato in maniera demagogica, è bene che tutte le forze politiche siano impegnate con serietà nella creazione di una coscienza diffusa dei problemi che dobbiamo affrontare, anche allo scopo di scoraggiare comportamenti incivili come quelli di chi ancora oggi non vuole differenziare i propri rifiuti”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!