Detenuto evade dal carcere, è caccia all'uomo AGGIORNAMENTI

Detenuto evade dal carcere, è caccia all’uomo AGGIORNAMENTI

Redazione

Detenuto evade dal carcere, è caccia all’uomo AGGIORNAMENTI

Ven, 07/05/2021 - 16:22

Condividi su:


L'evaso scontava una condanna all'ergastolo per omicidio | Ricerche da parte di polizia penitenziaria, polizia di Stato e carabinieri

Detenuto evade dal carcere di Capanne, è caccia all’uomo. L’allarme è scattato nel primo pomeriggio, quando l’uomo, secondo una prima ricostruzione, sarebbe riuscito a scavalcare una delle recinzioni e ad allontanarsi a piedi tra i campi. Stava infatti lavorando nell’area all’esterno del carcere, usufruendo dell’articolo 21 dell’ordinamento penitenziario.

Non è ancora chiaro se il detenuto possa aver usufruito dell’aiuto di un complice che l’attendeva fuori dal penitenziario. Le ricerche si stanno concentrando nelle campagna intorno al penitenziario, ma sono in corso anche controlli su alcune strade qualora il fuggitivo possa trovarsi sull’auto di un possibile complice.

Alle ricerche, insieme agli agenti della polizia penitenziaria, stanno partecipando anche polizia di Stato e carabinieri.

Ecco chi è l’ergastolano
fuggito dal carcere di Capanne

Il Sappe ricostruisce gli eventi

E’ dura la protesta del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, Sappe. “Adesso è prioritario catturare l’evaso – denuncia Donato Capece, segretario generale del Sappe – ma la grave vicenda porta alla luce le priorità della sicurezza (spesso trascurate) con cui quotidianamente hanno a che fare le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria del carcere di Capanne”.

Il detenuto fuggito è D.D.A., che fu condannato all’ergastolo per un omicidio a Napoli.

Fabrizio Bonini, segretario Sappe per l’Umbria, ricostruisce gli eventi e denuncia le carenze: “L’uomo era ammesso al lavoro ai sensi dell’articolo 21 dell’Ordinamento penitenziario nell’area esterna del carcere ed ha colto l’occasione per fuggire, presumibilmente, scavalcando una cinta bassa, vista anche l’esiguità del personale presente nei servizi esterni.
In svariate occasioni, il Sappe ha rappresentato e manifestato a gran voce la grave carenza di personale di polizia penitenziaria in servizio presso l’Istituto perugino di Capanne”.

Per i sindacalisti del Sappe, dunque, “questa è una evasione frutto della superficialità con cui sono state trattate e gestite le molte denunce fatte dal Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria sulle condizioni di sicurezza dell’istituto. Se fossero state ascoltate le continue denunce del Sappe, probabilmente tutti gli eventi critici denunciati e questa stessa evasione non sarebbe avvenuta. E la cosa grave è che questi numeri si sono concretizzati proprio quando sempre più carceri hanno introdotto la vigilanza dinamica ed il regime penitenziario ‘aperto’, ossia con i detenuti più ore al giorno liberi di girare per le Sezioni detentive con controlli sporadici ed occasionali della polizia penitenziaria”.

Nel 2020 81 evasioni in Italia

Il Sappe ricorda che nell’anno 2020 si sono verificate, nelle carceri italiane 81 evasioni da istituti penitenziari (ricordo che nel periodo delle rivolte solamente a Foggia fuggirono in 72), 15 evasioni da permessi premio, 3 da lavoro all’esterno, 8 da semilibertà e 13 mancati rientri di internati. Dati minimi, rispetto ai beneficiari. Questo non deve però inficiare l’istituto della concessione delle ammissioni al lavoro all’esterno o dei permessi ai detenuti.

“A nostro avviso – denuncia il sindacato – è fondamentale potenziare i presidi di polizia sul territorio (anche negli Uffici per l’Esecuzione Penale esterna), potenziamento assolutamente indispensabile per farsi carico dei controlli sull’esecuzione delle misure alternative alla detenzione, delle ammissioni al lavoro all’esterno, degli arresti domiciliari, dei permessi premio, sui trasporti dei detenuti e sul loro piantonamento in ospedale. E per farlo, servono nuove assunzioni nel Corpo di Polizia Penitenziaria.
La sicurezza dei cittadini non può essere oggetto di tagli e non può essere messa in condizione di difficoltà se non si assumono gli agenti di polizia penitenziaria”.

(notizia in aggiornamento, ultimo alle ore 16.52)

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!