Detenuto aggredisce agente in carcere, gli agenti vogliono taser e spray al peperoncino

Detenuto aggredisce agente in carcere, gli agenti vogliono taser e spray al peperoncino

Redazione

Detenuto aggredisce agente in carcere, gli agenti vogliono taser e spray al peperoncino

Gio, 15/07/2021 - 14:20

Condividi su:


In tarda serata il detenuto lo ha colpito conun pugno e poi ripetutamente al fianco | Per l'agente una prognosi di 10 giorni | La denuncia del Sappe

Detenuto aggredisce ancora un agente di polizia penitenziaria, tensione nel carcere di Capanne. A denunciare l’ennesimo episodio ai danni degli operatori di polizia penitenziaria è il sindacato Sappe.

“Questa volta – spiega Fabrizio Bonino, segretario nazionale per l’Umbria del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe – l’aggressione è costata 10 giorni di prognosi ad un assistente capo coordinatore della polizia Penitenziaria dopo essere stato aggredito da un detenuto di etnia tunisina presso il reparto psichiatrico dell’ospedale di Perugia”.

L’aggressione in carcere

L’episodio in tarda serata. “Alle ore 22:00 circa il detenuto – prosegue il racconto del responsabile del Sappe – chiedeva di uscire dalla cella dove stava ubicato, ma dopo i vari e giusti dinieghi da parte del personale di Polizia Penitenziaria. Passato qualche minuto si è avventato contro l’assistente capo sferrandogli un pugno alla testa e successivamente colpendolo più volte al fianco e alla spalla, Immediatamente l’altro collega presente andava in soccorso, chiedendo anche l’ausilio del personale infermieristico presente, con il quale si riusciva a calmare la furia del detenuto. Successivamente veniva contattato l’istituto per avere un intervento di supporto di altro personale, che raggiungeva in poco tempo il nosocomio dando supporto e per far si che il collega fosse portato al pronto soccorso per le cure. Questa volta si è sfiorata nuovamente la tragedia, anche perché il detenuto di grossa stazza fisica e conosciuto nell’ambito carcerario, si è sempre reso protagonista di aggressioni sul personale di polizia penitenziaria, e questa volta se non vi fosse stato la prontezza dei poliziotti e l’immediato intervento del personale infermieristico sarebbe successo il peggio. Sembrerebbe infine – denuncia ancora il Sappe – che, dopo la vile aggressione effettuata nei confronti dell’assistente capo coordinatore al quale va tutta la nostra solidarietà, il collega avrebbe chiesto più volte al medico del reparto se era il caso di contenerlo, ma da parte dello stesso vi è stata risposta negativa”.

Così Donato Capece, segretario generale del Sappe: “Ormai è un bollettino di guerra: servono interventi urgenti e strutturali che restituiscano la giusta legalità al circuito penitenziario intervenendo in primis sul regime custodiale aperto. Ogni giorno nelle carceri italiani succede qualcosa, ed è quasi diventato ordinario denunciare quel che accade tra le sbarre”.

Il Sappe chiede pistola taser e spray al peperoncino

Un’aggressione che avviene mentre a livello nazionale si discute delle violenze perpetrate ai danni dei detenuti nel carcere di Santa Maria Capua a Vetere. Alcuni di quei detenuti sono stati tra l’altro trasferiti al carcere di Capanne a Perugia.

La quotidianità professionale del Corpo di polizia penitenziaria – denuncia non si contraddistingue affatto per violenza ma per operatori della sicurezza che sanno conciliare invece le attività di polizia con quelle di trattamento rieducativo. Ogni giorno giungono notizie di eventi critici tra le sbarre ed aggressioni a donne e uomini del Corpo in servizio negli Istituti penitenziari del Paese, sempre più contusi, feriti, umiliati e vittime di violenze da parte di una parte di popolazione detenuta che non ha alcuna remora a scagliarsi contro chi in carcere rappresenta lo Stato. E’ ora che al Ministero della Giustizia e al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria ci si attivi per introdurre anche a favore del personale della Polizia Penitenziaria idonei strumenti per fronteggiare ed impedire aggressioni fisiche e selvagge, ad esempio pistola taser e spray al peperoncino”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!