Css, Lega oltre gaffe sull'Aia "Mozione maggioranza strumentale e confusionaria" - Tuttoggi

Css, Lega oltre gaffe sull’Aia “Mozione maggioranza strumentale e confusionaria”

Davide Baccarini

Css, Lega oltre gaffe sull’Aia “Mozione maggioranza strumentale e confusionaria”

Il gruppo consiliare di minoranza spiega i motivi dell'astensione sul voto del documento condiviso dal resto del Consiglio, De Luca (M5S) ironizza sul qui pro quo
Lun, 15/06/2020 - 19:13

Condividi su:


Css, Lega oltre gaffe sull’Aia “Mozione maggioranza strumentale e confusionaria”

Lega Gubbio protagonista in tutti i sensi nella vicenda Css nelle cementerie, sia per l’astensione alla mozione della maggioranza (che ribadisce il “no” al combustibile e un pieno coinvolgimento del Comune nella vicenda) condivisa dall’intero Consiglio comunale, sia per un errore abbastanza grossolano avvenuto proprio durante quest’ultima seduta.

La gaffe sull’Aia

La gaffe in questione, riportata nero su bianco sulla mozione presentata ai colleghi, ha visto scambiare l’Aia, l’Autorizzazione Integrata Ambientale, che le cementerie hanno richiesto di modificare per utilizzare il Css, con la Corte internazionale di Giustizia dell’Aia, in Olanda, principale organo giudiziario della Nazioni Unite.

Un errore che non è passato certo inosservato, specialmente all’ironia del consigliere regionale Thomas De Luca (M5S): “Questa volta hanno proprio passato il segno. Meno male che i consiglieri comunali del carroccio non si siano sbagliati con l’omonimo marchio di cotolette di pollo, o con l’Associazione Italiana Arbitri“.

Lega “Perché ci siamo astenuti”

I consiglieri Stefano Pascolini, Michele Carini e Angelo Baldinelli hanno comunque soprasseduto sul qui pro quo, volendo anzi ribadire i motivi dell’astensione.

Abbiamo ritenuto la mozione di maggioranza fortemente strumentale, ideologizzata e confusionaria, – dichiarano – tanto da mescolare la richiesta delle cementerie con il Piano regionale dei rifiuti, in fase di elaborazione e che segue tre punti cardine: tutela e miglioramento dell’ambiente, salvaguardia della salute pubblica ed economicità e sostenibilità per le casse della regione.

Piano regionale dei rifiuti, sottolineano, “che in nessun modo sarà condizionato da cementifici o altre attività produttive”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!