Crisi di maggioranza, sindaco pronto a ricevere i dissidenti - Tuttoggi

Crisi di maggioranza, sindaco pronto a ricevere i dissidenti

Claudio Bianchini

Crisi di maggioranza, sindaco pronto a ricevere i dissidenti

E intanto il gruppo del Partito Democratico invita Lorella Trombettoni a ritirare le dimissioni I Ore tese e scenari incerti
Ven, 20/05/2016 - 15:13

Condividi su:


Crisi di maggioranza, sindaco pronto a ricevere i dissidenti

Il tempo stringe per chiudere la crisi di maggioranza, e quel che resta della coalizione Mismetti è sempre più in fibrillazione: da una parte c’è lo stesso sindaco che cerca di ricucire lo strappo con il terzetto dei dissidenti, aprendo ad un dialogo ‘a patto che venga chiesto in maniera ufficiale’ e dall’altra scende in campo direttamente il gruppo del Partito Democratico, che lancia un appello a Lorella Trombettoni, invitandola a ritirare le dimissioni dalla presidenza della Commissione Bilancio.

(Leggi “Prefetto-scrive-al-sindaco-venti-giorni-tempo-lok-al-bilancio-arriva-commissario-prefettizi0)

La spada di damocle del commissariamento che incombe, e per arrivare alla soglia minima di sopravvivenza per l’approvazione del bilancio, che appproderà in Consiglio comunale martedì 24 maggio, servono almeno tredici voti, indispensabili quindi quelli della piddina Trombettoni, e dell’ex Pd ora Gruppo Misto, Elio Graziosi, che già in altre occasioni ha garantito la ‘maggioranza più uno’ dei consensi necessari.

Ricordiamo che in Commissione Bilancio, l’astensione della Trombettoni ed il voto contrario di Graziosi, oltre alle assenze dei dissidenti, portarono alla clamorosa bocciatura del documento contabile.

Come se ne uscirà? Se dovesse venir meno il supporto della Trombettoni – che ha già dichiarato di essersi dimessi per avere piena libertà di coscenza ed autonomia di espressione – allora il sindaco Mismetti dovrebbe riaprire la partita con i tre dissidenti, o quantomeno con alcuni di loro. In tal caso però, si aprirebbe lo scenario di un rimpasto di giunta, con tanto di redistribuzione di deleghe e cambio di assessori. Una manovra che andrebbe ad intaccare equilibri già precari, e che, invece di tamponare la situazione porterebbe all’apertura di altre falle.

La quadratura del cerchio è tutt’altro che facile. Nel frattempo, come detto, il sindaco Mismetti in un comunicato stampa ufficiale, lancia un segnale ai tre dissidenti, dopo la loro lettera aperta, tendendogli la mano.

“Ribadisco di essere disponibile al dialogo, come sempre, ma gli incontri con il sindaco non si chiedono attraverso la stampa – ha sottolineato il primo cittadino al termine di un incontro di maggioranza nella tarda serata di ieri – sono disponibile ad incontrare i consiglieri comunali, basta chiederlo direttamente”. Mismetti si augura “come d’altronde la maggioranza, che, in una situazione difficile, prevalga il senso di responsabilità di fronte alla città”. E sempre nella stessa nota, si mette in evidenza che, “la maggioranza invita Lorella Trombettoni a soprassedere alle proprie dimissioni”.

Altro pubblico appello arriva alla consigliera Trombettoni, corteggiata come non mai, politicamente parlando, dal gruppo consiliare del Pd.

“Il gruppo consiliare del Pd, anche a seguito dell’incontro di maggioranza di giovedì, invita la coordinatrice della prima commissione consiliare, Lorella Trombettoni, a riconsiderare la decisione di dimettersi dall’incarico e ribadisce la fiducia nella sua azione portata con impegno in questi due anni di attività”.


Condividi su:


Aggiungi un commento