Covid Terni, tavolo in Prefettura | Altre chiusure in vista - Tuttoggi

Covid Terni, tavolo in Prefettura | Altre chiusure in vista

Redazione

Covid Terni, tavolo in Prefettura | Altre chiusure in vista

Mer, 11/11/2020 - 18:26

Condividi su:


Potenziamento dei controlli su tutta la Provincia

Nella mattinata odierna è stato convocato dal Prefetto di Terni, Emilio Dario Sensi, in modalità call conference, il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica con i rappresentanti dei Comuni di Terni, Orvieto, Narni, Amelia, il rappresentante di ANCI Umbria, il Presidente della Provincia e i vertici provinciali delle Forze dell’Ordine, al fine di affrontare le problematiche inerenti situazioni di criticità legate a comportamenti non conformi alle vigenti normative in materia di prevenzione, gestione e contrasto all’emergenza epidemiologica in atto.

Focus su assembramenti

La riunione è stata incentrata sul duplice scopo di programmare controlli più serrati e di concordare con i Sindaci la possibilità di applicare la previsione di cui all’art. 1, comma 4, del D.P.C.M. del 3 novembre u.s., concernente l’interdizione di strade o piazze potenzialmente interessate dal fenomeno degli assembramenti.

In vista altre chiusure

Al riguardo, in considerazione dell’evolversi dell’emergenza sanitaria è stata concordata l’opportunità di adottare mirati provvedimenti di chiusura, specie durante il fine settimana, di talune aree del Comune capoluogo – largo Ottaviani, largo Giannelli e il parco “La passeggiata” – che, di recente, sono state maggiormente connotate da fenomeni di assembramento, nonostante la vigenza delle disposizioni governative che hanno previsto la temporanea chiusura di bar e servizi di ristorazione.

Zona arancione

I rappresentanti degli altri Comuni non hanno ravvisato, sul territorio di competenza, criticità tali da indurre all’immediata adozione di simili provvedimenti, pur auspicando la necessità di una sempre più efficace intensificazione dei controlli in determinate aree ritenute sensibili; e ciò anche a fronte della recrudescenza dei casi di contagio che hanno di fatto portato al recente “ingresso” della Regione Umbria nella zona c.d. arancione.

Intensificazione dei controlli

All’esito di un proficuo ed utile confronto, è stata concordata unanimemente l’intensificazione dei servizi di controllo su tutto il territorio provinciale, anche allo scopo di supportare i primi cittadini nell’adozione delle soluzioni che riterranno più opportune ai fini anzidetti.

Sensibilizzazione

Particolare attenzione, infine, è stata rivolta da parte di tutti i partecipanti al tavolo all’importanza dei meccanismi comunicativi per disincentivare quelle forme di socialità cui sono riconducibili i numerosi casi di contagio interessanti il territorio provinciale, con forme di sensibilizzazione utili a mitigare eventuali manifestazioni di disagio sociale o contestazione da parte dei cittadini e a far percepire, anche da parte dei contesti familiari, il concreto disvalore dei comportamenti messi in atto dalle fasce più giovani della popolazione.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!