Due nuovi casi di Covid-19 in Altotevere | Il messaggio del Vicesindaco Secondi - Tuttoggi

Due nuovi casi di Covid-19 in Altotevere | Il messaggio del Vicesindaco Secondi

Sara Cipriani

Due nuovi casi di Covid-19 in Altotevere | Il messaggio del Vicesindaco Secondi

L'appello è a un comportamento attento e rispettoso delle norme anticontagio, soprattutto per chi rientra da paesi con criticità
Gio, 13/08/2020 - 17:27

Condividi su:


Due nuovi casi di Covid-19 in Altotevere | Il messaggio del Vicesindaco Secondi

Sono due i nuovi casi di Covid-19 accertati dalla USL1 nella giornata di oggi in Alta Valle del Tevere. Tutte e due i casi sono di importazione.

Questi nuovi casi non sono conteggiati tra i nuovi 7 registrati nel conteggio odierno della Regione Umbria.

Il caso a Umbertide

Questa mattina il sindaco di Umbertide, Luca Carizia, ha comunicato attraverso i canali ufficiali dell’ente che un uomo è stato messo in isolamento domiciliare, dopo essere stato riscontrato positivo.

Si tratta di un uomo residente in un comune del Nord Italia, ma attualmente in soggiorno presso una sua proprietà del territorio.

Il caso di Città di Castello

A Città di Castello è invece il vicesindaco Luca Secondi ad informare la popolazione con un video, del nuovo caso di contagio nella città tifernate.

Si tratta di una donna di origini rumene che è stata trovata positiva al test per il coronavirus. Anche nel suo caso è scattata l’ordinanza per l’obbligo di quarantena.

Un nuovo positivo a Città di Castello

Appello del vice sindaco Secondi a seguire tutte le norme anti Covid-19#coronavirus

Publiée par TuttOggi sur Jeudi 13 août 2020

Una guarigione

Sempre a Città di Castello si registra fortunatamente una guarigione con dimissione dalla residenza Villa Muzi, la struttura nella quale vengono ricoverati i pazienti clinicamente guariti dall’infezione e non ancora negativizzati all’esito di due tamponi.

La donna di origini polacche è finalmente risultata negativa ai test ed è stata dimessa.

Le raccomandazioni

Nel video, il vicesindaco, come anche il sindaco di Gubbio, richiama cittadini e turisti ad un comportamento responsabile e a non abbassare la guardia nei confronti della diffusione del coronavirus che è tutt’altro che debellato