Contrordine Compagni, non siamo più soli | Anche il M5S soffre di Comunichite Acuta - Tuttoggi

Contrordine Compagni, non siamo più soli | Anche il M5S soffre di Comunichite Acuta

Carlo Vantaggioli

Contrordine Compagni, non siamo più soli | Anche il M5S soffre di Comunichite Acuta

Fulgido esempio di "imbrodamento" per spiegare una cosa semplice come un incontro a carattere economico
Dom, 16/10/2016 - 20:33

Condividi su:


Contrordine Compagni, non siamo più soli | Anche il M5S soffre di Comunichite Acuta

Ma che avrà mai fatto di così terribile il valoroso e innocente popolo Azero per ritrovarsi protagonista di un comunicato stampa arzigogolato del Movimento 5Stelle che impiega circa 20 righe di pensiero stupendo per comunicare una cosa semplice come l’incontro pubblico con l’Ambasciatore dell’Azerbaijan Mr. Mammad Ahmadzada, il Senatore Stefano Lucidi del M5S e il Sindaco Fabrizio Cardarelli che si terrà domani 17 ottobre alle ore 11.30 nella Sala dello Spagna (Palazzo Comunale di Spoleto)?

Quando ormai ci eravamo rassegnati al fatto che il solo Partito Democratico aveva dei seri problemi di intossicazione da Comunichite Acuta (in termine scientifico, Cazzeggiobacter Perniciosis), eccoti che il virus malandrino fa mostra di sé anche nel corpo vivo dei 5Stelle.
Perchè tutti siano edotti e magari educati alla faccenda ecco il testo integrale:

Spoleto e le nuove rotte Euroasitaiche. Baku – Spoleto.

Il concetto di globalizzazione ha subito nel corso di quest’ultimo decennio un mutamento di significato, infatti ha perso il carattere prettamente morale ed endenico (sicuramente “endemico” ndr.) per acquisire quello di semplice fatto tecnico con il quale ci dobbiamo misurare.
Il significato di globalizzazione, dunque, anche alla luce delle teorie di Karl Haunofer, diventa sinonimo di unire realtà diverse tra loro costituendo il fondamento di nuove piattaforme geopolitiche. I rapporti all’intterno del Continente Euroasiatico sembrano più fluidi determinando dinamiche politiche ed economiche nuove tra Stati e tra Stati ed enti locali.
In questi anni futuri il Continente Euroasiatico ritroverà una nuova centralità attraverso le nuove e strategiche vie di comunicazione (stradali, ferroviarie, multimediali) come ad esempio la RAZVITIE PROJECT, ONE ROAD ON BELT, TRANS CASPIO che di fatto catapulteranno nazioni come Kazakistan, Azerbaijan, Georgia nel proscenio del teatro mondiale con un ruolo importantissimo.
Alla luce di tutto l’Amministrazione Comunale di Spoleto e il Senatore, membro in commissione esteri, Stefano Lucidi hanno deciso di tessere importati rapporti con alcuni di questi paesi.
La vocazione Internazionale della nostra città si presta a questo ruolo di ponte.
Il primo incontro sarà con l’ambasciata dell’Azerbaijan per il quale l’Italia é un partner strategico sopratutto a livello agro-alimentare e con il quale vorremmo intessere una amicizia che possa essere per la nostra comunità un volano per la industria, il turismo ed il comparto agro-alimentare, ma che sopratutto aprirà un vetrina importante per Spoleto in una delle hub del continente euroasiatico.
L’incontro si terrà Lunedi 17 ottobre alle ore 11.30 nella Sala dello Spagna (Palazzo Comunale di Spoleto).
Parteciperanno quindi l’Ambasciatore dell’Azerbaijan Mr. Mammad Ahmadzada, il Senatore Stefano Lucidi del M5S e il Sindaco Fabrizio Cardarelli.

Il tono dello scritto è a metà tra il pamphlet di natura storico economica, il trattato filosofico sociale e la minaccia Avventista.

Il concetto di Spoleto e le nuove rotte Euroasiatiche, specificamente di quella Baku-Spoleto, strappa un sorriso, al solo pensiero che si consideri la popolazione del territorio spoletino, edotta ai rapporti internazionali magari per il solo fatto di avere avuto fin’ora il Festival dei Due Mondi come scuola di vita.

Il mai dimenticato Sor Clemente (Alberto Talegalli ndr.) ci ricordava con la sua simpatia travolgente che lo spoletino era già in ambascia per la semplice gita che lo riportava al paese natale, Pincano. Figuriamoci la rotta verso l’Azerbaijan.

E se Totò in uno dei sui film parodia (Totò d’Arabia ndr.) vestito da Sheik e a dorso di cammello, fa il verso a Lawrence d’Arabia gridando “Ad Aqabaaaaa…..”, a Spoleto il novello condottiero in giacca e cravatta ma con pizzo alla Khan euroasiatico, è il senatore Stefano Lucidi, membro permanente della 3^ Commissione Affari esteri ed Emigrazione del Senato, esperto della materia.  A lui il compito di gridare, anche a bordo di una Lambretta se occorre “A Bakuuu….”.

Che il Grande Spirito della Steppa vi illumini ai prossimi comunicati e vi faccia bastare 5 righe, Stellate. Anche 7 tiè, crepi l’avarizia.

Riproduzione riservata

Foto: ripresa aerea di Baku

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!