Colpo di scena al MTB, sindaco “evidenti irregolarità” | Opposizione “denunci”

Colpo di scena al MTB, sindaco “evidenti irregolarità” | Opposizione “denunci”

De Augustinis “non sto sindacando gli atti del Comitato” | Liste civiche “non insinui” “riferisca immediatamente” | Maggioranza “tempo al tempo” | Aggiornamenti

share

Nel ciclismo il colpo di scena arriva solitamente con lo sprint finale, a volte registrando anche qualche capitombolo del gruppo in volata. A Spoleto, dove si corre la SpoletoNorcia in Mtb, manifestazione che domenica scorsa ha concluso la quinta edizione, il colpo di scena, dai risvolti ancora tutti da decifrare, è arrivato invece all’indomani dell’arrivo sul del traguardo. Destinato a tener banco ancora per settimane, se non mesi.

Ad innescare la miccia è stata la mancata partecipazione agli eventi clou della Giunta comunale di centrodestra del sindaco e magistrato di Cassazione Umberto De Augustinis. Una assenza che si è fatta notare giorno dopo giorno, non fosse che anche il primo cittadino è un appassionato della due ruote.

Rimarcata anche dall’assessore regionale Chianella che, al convegno di giovedì scorso sulla ex ferrovia Spoleto – Norcia, aveva notato la presenza solo di alcuni sindaci della Valnerina. Ma andiamo con ordine.

La manifestazione record

Quella appena andata in archivio è la kermesse dei record con oltre 4mila presenze in città, di cui almeno 2.000 bikers provenienti da tutta Italia ma, circa 350, anche dai 16 Paesi europei che hanno aderito allo Sportgivechance, progetto finanziato dall’Unione Europea e dedicato agli atleti affetti da diabete. Il 70% dei partecipanti proveniva da fuori regione, dal Trentino alla Sicilia, situazione che ha decretato il sold-out degli alberghi e la necessità di prevedere gli eventi su più giorni.

La madrina Barbara Pedrotti con l’aspirante miss francese Bechiki

Tante le emozioni vissute in questa edizione: dalla scalata della Caprareccia compiuta da Luca Panichi con la propria carrozzina, alla passeggiata Spoleto – Assisi guidata dal professionista Umberto Poli (anche lui sofferente di diabete) e ancora l’elezione di Veronica Pioli a miss Spoleto – Norcia, la vittoria della marchigiana Sara Grifi tra le donne e dello spoletino Riccardo Ridolfi tra gli uomini nella SpoletoNorcia Extreme (percorso spettacolare e selettivo, supervisionato dall’ex maglia rosa Paolo Savoldelli), i tanti convegni e, immancabile, la tradizionale corsa domenicale alla quale ha dato il via la giornalista di Sky sport Barbara Pedrotti e che ha visto un colorato “fiume” di bikers cimentarsi tra il percorso family (14 km), classic (45 km) e la variante hard che portava il dislivello a 1.500 metri per un totale di 55 chilometri.

Le polemiche

Che l’assenza della amministrazione comunale innescasse quanto meno uno sconforto tra gli organizzatori era altamente probabile. Come pure le polemiche ben presto cavalcate sui social che a Spoleto, recente piazza di scontro per la campagna elettorale, sono ancora molto forti tra vincitori e vinti. Il Comitato di per sé non si era espresso ma alcuni rappresentanti avevano confidato diversi dubbi sul proseguire o meno la kermesse.

Malumori raccolti nell’edizione di ieri de Il Messaggero che poneva l’accento sulla possibilità anche di veder trasferita la manifestazione, magari, come ha ironizzato qualcuno, semplicemente invertendo le due città protagoniste (da Spoleto – Norcia in Norcia – Spoleto). Dal Comitato è arrivata la  smentita a voler spostare la sede dell’evento e anzi l’annuncio di una richiesta di incontro al sindaco.

Restavano però alcuni dubbi sull’anomalo comportamento della Giunta: possibile che gli amministratori, presenti in gran numero a sagre e feste come le recenti di Beroide, San Giacomo, del Volontariato, abbiano snobbato l’evento più importante di fine estate? E per quale motivo? Come mai lo stesso Comune, capofila del progetto europeo, non aveva dato notizia dell’evento neanche sui propri profili social?

La precisazione e il colpo di scena

La risposta del primo cittadino non si è fatta attendere e nel giro di poche ore si è appresa la motivazione di tanto “distacco”. Altro che colpo di scena. Leggiamo: “In merito all’evento Sportgivechance, si precisa che il Sindaco, dott. Umberto de Augustinis, ha portato il saluto dell’Amministrazione al convegno tenutosi sabato 1 settembre alla Rocca Albornoziana…ad alcuni momenti della manifestazione Spoleto in MTB ha preso parte il Consigliere delegato Massimiliano Montesi. E’ doveroso esprimere ai partecipanti ammirazione per l’entusiasmo prodigato” scrivono dal Comune.

Il sindaco Umberto De Augustinis

Nessun riferimento agli organizzatori, né al successo dell’evento. Poi la stoccata, il ‘colpo’ che potrebbe avere non poche conseguenze sul futuro della kermesse: “In nome della trasparenza, tuttavia, sembra altrettanto doveroso sottolineare che l’esame del procedimento amministrativo, avviato circa due anni fa, e che ha accompagnato l’intera manifestazione, ha evidenziato alcune evidenti irregolarità in merito alle quali si esprimeranno gli organi collegiali e, se del caso, gli organismi competenti. Peraltro il bilancio economico della manifestazione non è ancora compiutamente noto. Per il resto, la Città di Spoleto resta sempre disponibile ad ospitare manifestazioni sportive, fermo restando comunque preliminare ed irrinunciabile il presidio della legalità a tutela dei cittadini e delle istituzioni”.

Parole pesanti che gettano più di una ombra sul management comunale. Di più non è dato sapere. Il problema dunque è “interno” e nel mirino è finito l’intero iter amministrativo che ha portato l’Unione Europea ad approvare il progetto Erasmus Plus, al quale è legato l’evento Sportgivechance, che ha visto stanziati circa 460mila euro dalla U.E. e 120mila dai cofinanziatori (80mila i Comune, 40mila Comitato organizzatore La SpoletoNorcia in mtb e Il Perugino).

E’ evidente che le irregolarità riguardano l’ente, sui privati non posso sindacare nulla dice stamani a Tuttoggi il dottor De Augustinis “possiamo solo sindacare gli atti della pubblica amministrazione, da qui la mia decisione di non partecipare alla pedalata”.

Bisognerà quindi attendere anche la presentazione del rendiconto, fissata quale tempo massimo entro fine mese, per sapere se e quali iniziative verranno intraprese dalla Giunta e dal collegio sindacale. Intanto la nota municipale ha sollevato più di una critica da parte dei dipendenti comunali che avrebbero appreso dalla stampa delle irregolarità denunciate dal sindaco.

L’affondo di Spoleto Popolare e Alleanza Civica

Di oggi la presa di posizione della minoranza con le due Liste civiche di Spoleto Popolare e Alleanza Civica (dove sono confluiti ex amministratori e consiglieri della passata legislatura) che hanno criticato il sindaco e il consigliere con delega allo sport Montesi. “Una manifestazione nata 5 anni fa che in questa edizione ha portato nella nostra Città per svariati giorni oltre 4.000 turisti, è stata completamente trascurata dall’Amministrazione se non per le fugaci comparse del Consigliere Sport Montesi, che più che presenze di incoraggiamento e sostegno, sembravano raid di controllo  e dell’altro Consigliere delegato al Turismo Santirosi che si è dovuta destreggiare  incastrata tra l’avversità dell’Amministrazione e l’effettiva bontà dell’evento” scrivono Bececco, Frascarelli, Profili e Settimi.

Per realizzare questo evento hanno dovuto lavorare oltre 100 volontari…ciò che ci lascia basiti è il comunicato del Comune nel quale si fa riferimento a gravi ed evidenti irregolarità relativamente a tutto il procedimento amministrativo che ha accompagnato l’intera manifestazione. A chi si riferisca esattamente non è dato di sapere, ma intanto il dubbio viene insinuato verso tutti (livello politico, tecnico, organizzazione). Insinuare il dubbio evidenziando la presenza di gravi ed evidenti irregolarità senza indicarle apertamente  è un metodo tendenzialmente diffamatorio,  poiché gettare una pesante ombra sull’operato di  tutti coloro che possono essersi occupati di  tutto  ‘il procedimento amministrativo’ che ha ‘ accompagnato l’intera manifestazione’ senza specificare chi e senza descrivere in cosa consisterebbero le evidenti irregolarità non può essere accettato in un comunicato ufficiale del Comune”.

Il consigliere Roberto Settimi tra i firmatari della nota

 Poi l’invito alla giunta: “Se le irregolarità sono così evidenti si prenda la responsabilità di denunciarle e conseguentemente anche quella relativa agli effetti che denunce poco fondate e poco meditate possono causare. La veste di comunicato ufficiale per tali dichiarazioni pone infatti conseguenze formali anche in relazione all’eventuale revoca dei contributi visto che proviene dallo stesso ente che ne ha beneficiato.  Ricordiamo che il progetto  Erasmus plus è stato approvato dalla Comunità Europea, ha ottenuto i voti per essere ammesso a contributo e doveva essere sviluppato sotto precise direttive ed , aggiungiamo, rappresenta un eccellente risultato della passata amministrazione e della Città tutta.  Se la Spoleto-Norcia in MTB insieme alla Spoleto Urban Crossing diviene solo un mezzo per colpire la passata amministrazione con dichiarazioni strumentali a tale fine, è evidente che la china che si intraprende è quella della distruzione per il gusto di distruggere. Probabilmente però questa volta è stato colpito il bersaglio sbagliato perché tutta la Città ama questa manifestazione. Ci auguriamo solo che altre analoghe iniziative non vengano scoraggiate da tale tipo di atteggiamenti come già purtroppo si inizia a percepire”.

Laureti “Il sindaco chiarisca subito”

Non meno forti le parole usate dalle consigliere Camilla Laureti e Luigina Renzi (Ora Spoleto). “I giorni seguenti ad un evento come quello della Spoleto Norcia in Mountain bike e dell’Erasmus plus, che hanno portato nella nostra città migliaia di persone da tutta Europa, dovrebbero essere giorni di ringraziamenti e festeggiamenti. Ed invece dispiace dover assistere a polemiche e gravi accuse. Il nostro Sindaco e la sua Giunta anziché scusarsi per la mancata presenza, sia reale sia virtuale, ad una manifestazione che ha fatto parlare di Spoleto in tutta Italia e oltre, non hanno trovato di meglio che ‘sparare’ contro un non meglio precisato nemico, mettendolo sotto il nome di irregolarità amministrative”.

La consigliera Camilla Laureti

Vista la gravità di queste accuse chiediamo al Sindaco di farci sapere immediatamente di quali irregolarità si tratti, perché in questo modo ha gettato fango e discredito su tutta la manifestazione e soprattutto su tutti coloro che, spesso anche come volontari, hanno lavorato sodo per far sì che avvenisse nel migliore dei modi. Nel frattempo vorremo vedere il sindaco partecipare ad eventi come quello dello scorso fine settimana che sono riusciti ad unire tutta la città e a darne giusta e corretta informazione sui canali di comunicazione del nostro comune”.

Maggioranza: “tempo al tempo”

I consiglieri di maggioranza per il momento restano in silenzio anche se, facendo quadrato intorno al sindaco, c’è chi si lascia andare a qualche commento di sfida: “tempo al tempo, vedrete se non partono le denunce” dice sicuro un consigliere della Lega.

Chissà che il tavolo richiesto possa segnare un nuovo cammino tra il Comitato del presidente Luca Ministrini e il Municipio del sindaco De Augustinis. Per il momento appare improbabile pensare al ritornello della canzone di Cocciante “passeggiando in bicicletta accanto a te, pedalare senza fretta la domenica mattina”.

Pd: “M5s e destra uniti nel screditare eventi di Spoleto”

Sulla vicenda arriva anche l’intervento del Partito democratico di Spoleto, che coglie l’occasione anche per notare un attacco da parte delle forze che rappresentano attualmente la maggioranza di governo nazionale contro vari eventi cittadini, compreso il Festival dei Due Mondi. Di seguito la nota del Pd.

“Gravi le esternazioni ufficiali del sindaco sulla manifestazione Spoleto Norcia in mtb. Se l’amministrazione comunale è a conoscenza di prove o fatti oggettivi che ne evidenzino l’irregolarità è bene che denunci agli organi competenti, ma se invece non sussistono gli estremi perché screditare una manifestazione  così importante anche per l’economia della città? Ci corre l’obbligo quindi di dare il nostro pieno sostegno a questo evento sportivo sia per la capacità di promuovere con successo il territorio che per la finalità tesa a migliorare il benessere e la salute della persona. Ma non finisce qui. Assistiamo da alcuni giorni ad una bizzarra concomitanza di dichiarazioni da parte di politici locali e nazionali atte a screditare alcuni importanti eventi spoletini, eventi diversi per caratura, genere, storia. Non sono passate inosservate infatti le recenti e strampalate indagini del senatore Lucidi contro il festival di Spoleto. Non possiamo fare a meno di notare la stranezza che m5s e destra ultimamente sono uniti nell’attacco di alcuni eventi spoletini di successo.  Qual è il disegno? Qual è il progetto che hanno in mente per Spoleto?  Lega e m5s sono le forze politiche alleate alla guida del governo nazionale e, di fatto, al governo della città, è loro il compito di facilitare ed incentivare le iniziative che possono incrementare turismo e sviluppo economico, non certo di boicottarle. Non sono più all’opposizione, si adoperino per la crescita di Spoleto, l’epoca della propaganda è finita”. 

© Riproduzione riservata

(aggiornato alle ore 10.50)

share

Commenti

Stampa