Città di Castello laboratorio nazionale del Baskin, la pallacanestro inclusiva - Tuttoggi

Città di Castello laboratorio nazionale del Baskin, la pallacanestro inclusiva

Redazione

Città di Castello laboratorio nazionale del Baskin, la pallacanestro inclusiva

Sab, 13/11/2021 - 08:26

Condividi su:


Anche i bambini giocheranno alla pallacanestro inclusiva, che mette insieme normodotati e persone con disabilità. Presentato il progetto di Tiferno Pallacanestro, Usl Umbria 1, Cooperativa La Rondine e associazione I Fiori di Lillà

Città di Castello laboratorio nazionale del Baskin, la pallacanestro inclusiva giocata con squadre miste di persone normodotate e con disabilità: grazie al progetto, di cui sono protagonisti Tiferno Pallacanestro, Usl Umbria 1, la Cooperativa La Rondine e l’associazione di volontariato I Fiori di Lillà, con la collaborazione del Comune, anche i bambini tra i 5 e i 10 anni potranno praticare uno sport finora sperimentato in Umbria solo con i ragazzi delle scuole superiori.

Un primo gruppo di piccolissimi aspiranti atleti è già pronto a unirsi ai ragazzi tra i 15 e 20 anni, che hanno iniziato la propria attività con l’evento dimostrativo di sabato scorso (6 novembre) al Palaioan di Città di Castello. Tramite i tecnici della Tiferno Pallacanestro saranno avviati alla conoscenza del basket, per poi essere in grado di giocare a Baskin con i propri coetanei. “In questo progetto c’è l’essenza dell’inclusione sociale, che nasce dall’incontro e dalla condivisione delle esperienze tra persone con disabilità e persone normodotate, un modello che come amministrazione comunale vogliamo sostenere per rafforzare l’idea di una comunità unita, accogliente e solidale”, afferma il sindaco Luca Secondi.

Ringraziamo per determinazione ed entusiasmo tutti i protagonisti che hanno tenuto accesa la fiammella del progetto nei mesi difficili dell’emergenza Covid-19 e per arrivare oggi a rispettare gli impegni assunti, avviando questa esperienza così preziosa e innovativa”, sottolinea il primo cittadino tifernate, che esprime riconoscenza al presidente della Tiferno Pallacanestro Marco Cesaroni, all’Usl Umbria 1 con la responsabile del Servizio Integrato per l’Età Evolutiva Paola Antonelli, al presidente della Cooperativa La Rondine Luciano Veschi, alla presidente dell’associazione I Fiori di Lillà Elena Signorelli e ai rispettivi collaboratori.

Presentato nel settembre del 2020, il progetto è stato avviato sabato scorso (6 novembre) con un evento promozionale al PalaIoan di via Engels, teatro di una partita-esibizione di cui sono stati protagonisti gli atleti della Tiferno Pallacanestro e dell’IIS Campus Leonardo da Vinci di Umbertide, che con il tutor Silvio Bartolini ha costituito da due anni una squadra di Baskin con gli studenti dell’istituto. All’iniziativa, alla quale è intervenuto l’assessore comunale alle Politiche Sociali Benedetta Calagreti, si è unito anche l’istituto Patrizi Baldelli Cavallotti di Città di Castello della dirigente Marta Boriosi, che metterà a disposizione una palestra per gli allenamenti e ha offerto “merende-sportive” a tutti i partecipanti.

I giocatori hanno dato spettacolo sul parquet, coinvolgendo il pubblico presente al punto da far scendere in campo anche uno dei giovani con disabilità in tribuna, che ha preso parte al match. La festa al Palaioan ha dato il via alla sperimentazione del BaskIn da parte della Tiferno Pallacanestro, che proseguirà con allenamenti settimanali ogni giovedì nella palestra dell’Istituto Cavallotti, sotto la guida dei tecnici Matteo Mordaci e Giacomo Magi. Nelle prossime settimane arriveranno i canestri speciali per giocare e le divise blu royal con cui gli atleti della squadra tifernate scenderanno in campo nelle partite organizzate insieme alle altre due squadre umbre di Umbertide e Perugia.

Al Campus “Da Vinci” di Umbertide si sperimenta il ‘Baskin’

In occasione della presentazione del progetto, il presidente della Tiferno Pallacanestro Marco Cesaroni ha espresso “la soddisfazione e l’orgoglio di contribuire alla promozione dello sport e della socialità, superando le barriere della disabilità e ampliando il gruppo di 130 giovani dai 5 ai 13 anni del mini-basket, delle selezioni under 17 e under 20 che praticano attività agonistica insieme alla prima squadra, iscritta al campionato regionale Csi”.

Il Baskin è uno sport pensato per permettere a giovani normodotati e con qualunque tipologia di disabilità (fisica e mentale) di giocare nella stessa squadra, composta da ragazzi e ragazze. Le regole di questa disciplina sono studiate per valorizzare il contributo di ogni atleta. Le squadre sono composte da 12 giocatori, dei quali 6 in campo: 3 normodotati e 3 con disabilità. Il Baskin utilizza due canestri normali e due laterali più bassi per le persone con disabilità motoria, palloni con dimensioni e peso diversi, uno spazio di gioco con zone protette per garantire il tiro nei canestri laterali. Ogni giocatore ha un ruolo definito dalle sue caratteristiche motorie e un avversario diretto dello stesso livello. Un tutor, ovvero un altro giocatore della squadra, può accompagnare le azioni di un compagno con disabilità.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!