Chirurgia spalla, a Foligno intervento d'avanguardia | Impiantato osso di cavallo - Tuttoggi

Chirurgia spalla, a Foligno intervento d’avanguardia | Impiantato osso di cavallo

Redazione

Chirurgia spalla, a Foligno intervento d’avanguardia | Impiantato osso di cavallo

Ospedale San Giovanni Battista all'avanguardia nella chirurgia della spalla, primo intervento "Bone-Block" dell'Umbria
Mar, 03/12/2019 - 09:45

Condividi su:


Chirurgia spalla, a Foligno intervento d’avanguardia | Impiantato osso di cavallo

E’ stato eseguito all’ospedale “S. Giovanni Battista” di Foligno il primo intervento “Bone-Block” dell’Umbria, utilizzato nella chirurgia della spalla. Il complesso ed innovativo intervento chirurgico è stato eseguito su di un paziente con numerose e frequenti lussazioni di spalla con tecnica artroscopia mini-invasiva chiamata “Bone-Block” che consiste nell’impiantare un blocco di osso di origine equina per colmare il riassorbimento osseo nella spalla causato dalle lussazioni recidivanti.

Questo intervento, mai eseguito in Umbria finora, viene eseguito mediante piccole incisione per l’introduzione dell’artroscopio e degli strumenti dedicati; per questo è una metodica che rispetta i tessuti e permettere una più rapida guarigione.

“L’alternativa a questo nuovo intervento – spiega il dott. Enrico Sebastiani, ortopedico membro del reparto di Ortopedia e Traumatologia diretto dal dr. Giacomo Picuti – era la tecnica di Bristow-Latarjet che però viene eseguita incidendo il tendine del sottoscapolare, uno dei tendini più importanti della spalla. Inoltre se dovesse verificarsi una nuova lussazione, a seguito di un trauma importante, la procedura chirurgica che ne conseguirebbe sarebbe complessa e senza garanzia di un recupero funzionale completo”.

“Il Bone-Block invece – prosegue il chirurgo dell’ospedale di Foligno – non viola in nessun modo il sottoscapolare ed un eventuale fallimento traumatico, come ad esempio un trauma sportivo, sarebbe di più facile gestione. Ricordiamo che stiamo parlando di pazienti giovani, che spesso praticano sport ed attività ad alto rischio. Questa tecnica però non è utilizzabile in tutti i casi, ma il paziente va studiato e selezionato con attenzione”.

L’intervento, eseguito dal dottor Enrico Sebastiani, in équipe con il dottor Michele Berloco, l’anestesista dottor Andrea Tarquini, e gli infermieri di sala Katiuscia Cruciani e Federico Storti, è perfettamente riuscito. Ora il paziente si sottoporrà a un protocollo riabilitativo specifico e potrà tornare a svolgere tutte le sue abitudini quotidiane nel giro di qualche settimana.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!