Cerreto di Spoleto, si inaugura il Centro di Comunità post sisma

Cerreto di Spoleto, si inaugura il Centro di Comunità post sisma

Domani la cerimonia in località Madonna di Costantinopoli per la struttura intitolata a San Giuseppe | E’ il quarto centro realizzato nel territorio diocesano, finanziato da Caritas Austria

Domenica 8 luglio alle ore 11.00 a Cerreto di Spoleto, in località Madonna di Costantinopoli, verrà inaugurato il quarto Centro di Comunità realizzato dalla Chiesa nei territori profondamente feriti dai terremoti del 2016 (24 agosto, 26 e 30 ottobre) grazie alla generosità di tante associazioni caritative e di tante persone di buona volontà. Sarà l’arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza episcopale umbra mons. Renato Boccardo a presiedere la Messa nel nuovo Centro, intitolato a San Giuseppe. Con lui il parroco di Cerreto di Spoleto padre Jose Mecheril.

È il quarto che viene realizzato nel territorio diocesano, dopo quelli di Norcia, Cascia ed Avendita di Cascia. La costruzione della struttura è stata finanziata da Caritas Austria; la Caritas della diocesi di Bolzano-Bressanone si è impegnata affinché le relazioni con Caritas Austria fossero positive e puntuali; la Federazione Nazionale degli Spedizionieri Internazionali ha finanziato l’acquisto della cucina; l’Associazione Sentieri di Pace Onlus di Osteria Grande (BO) ha donato alcuni arredi.

Il terreno sui cui sorge il Centro è di proprietà comunale: un comodato ventennale d’uso gratuito è stato stilato con la parrocchia di Cerreto. Il costo per la realizzazione è stato di circa 400.000,00 euro. I lavori sono stati eseguiti dalla “Termoidraulica di Valentini e Scarponi snc” di Trevi.

Questi Centri sono delle strutture socio-pastorali caratterizzate da ampi saloni multifunzionali, accessibili a tutti. Rappresentano luoghi di unione e promozione delle attività sociali, culturali, pastorali e ricreative pensati per rafforzare il tessuto sociale ispirato a valori di solidarietà, condivisione e partecipazione.

Stampa