Ceri, Capodieci smentiscono voci su 11 settembre "Prima si affronti questione 15 maggio" - Tuttoggi

Ceri, Capodieci smentiscono voci su 11 settembre “Prima si affronti questione 15 maggio”

Redazione

Ceri, Capodieci smentiscono voci su 11 settembre “Prima si affronti questione 15 maggio”

Mer, 24/03/2021 - 13:52

Condividi su:


I rappresentanti del popolo ceraiolo negano quanto scritto da un giornale. Il sindaco Stirati “Nessuna proposta formale. Stiamo vivendo biennio drammatico: si evitino speculazioni e falsità”

I Capodieci smentiscono con forza un loro presunto intervento a favore dello svolgimento della Festa dei Ceri il prossimo 11 Settembre (traslazione corpo di Sant’Ubaldo), riportato ieri (23 marzo) da un giornale.

Alessandro Nicchi (Sant’Ubaldo), Fabio Uccellani (San Giorgio) e Andrea Tomassini (Sant’Antonio), in rappresentanza del popolo ceraiolo, hanno condiviso con i presenti al tavolo del 17 marzo scorso il fatto che sia “essenziale, al momento attuale, affrontare esclusivamente la questione del 15 maggio, per poi, in presenza di condizioni realmente ed eventualmente favorevoli e idonee, verificare altre eventuali soluzioni”.

Ceri 2021, tutti concordi “Ad oggi nessuna Festa sembra possibile il 15 maggio”

Abbiamo già detto la nostra – osserva il sindaco di Gubbio Filippo Stiratidurante l’incontro di tutte le componenti ceraiole, che ha affrontato la tematica più urgente, ossia quella relativa al 15 maggio“.

Non è vero che c’è stata una proposta formale sull’11 settembre: si tratta di una questione che sappiamo essere presente nei dibattiti informali tra i ceraioli ma nessuno ha ritenuto fosse il momento per affrontarla e dirimerla, vista anche la mancanza di dati oggettivi relativi all’andamento epidemiologico”.

Covid, a Gubbio giornata nera: 3 decessi. Al via punto vaccinale Gualdo, c’è la data

Poi il sindaco ha fatto un appello alla stampa, anche a nome delle componenti ceraiole: “Stiamo vivendo con estrema sofferenza un biennio drammatico, che ha visto morire persone a noi care. Tutte coloro che siedono al tavolo sono eletti nelle rispettive associazioni espressione del popolo ceraiolo e sono portatori di considerazioni ampiamente condivise, non certo frutto di idee personali”.

“Le valutazioni di ciascuno partono dal sentimento di speranza finalizzato a ripartire come comunità, iniziando magari proprio dal rito festivo in onore del Patrono. Chiedo a tutti di evitare speculazioni o interpretazioni che vadano al di là della tutela del bene comune”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!