Caos Ternana, Panucci “Che amarezza” | Larini “Vedute diverse rispetto alla società”

Il tecnico rossoverde ha parlato ai giocatori prima di lasciare il “Libero Liberati”

share

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sulla turbolenta giornata di oggi che, in casa Ternana, ha portato alla rescissione consensuale del contratto del ds Fabrizio Larini e all’esonero del tecnico Christian Panucci.

Tutto è iniziato con le roventi dichiarazioni del tecnico rossoverde nella partita di Tim Cup contro il Pordenone, vinta per 2-0. Evidentemente, nei dialoghi tra ds e tecnico c’era già il sentore che qualcosa non stesse andando come stabilito nei piani iniziali, soprattutto per quanto riguarda il mercato. Panucci era stato chiaro “questa squadra, senza rinforzi, farà fatica durante il campionato e non supererà quota 53 punti” – aveva sottolineato il mister in sede di conferenza stampa.

Lo sfogo voleva forse essere di incoraggiamento nei confronti dell’amministratore unico, Simone Longarini, a operare sul mercato in modo più incisivo. Per tutta risposta era arrivato un diktat che ha avuto l’effetto di gettare benzina sul fuoco e incendiare una siatuazione già incandescente.

Visto l’andamento delle cose, il ds Fabrizio Larini, ha deciso di interrompere il suo rapporto con i rossoverdi e il tecnico è stato invitato a rassegnare le dimissioni. Ma Panucci è stato chiaro: “Sono felice di essere a Terni e non mi dimetto” – ecco allora che è arrivato l’esonero.

“Ho ringraziato i ragazzi per la disponibilità nei miei confronti – queste le prime parole dell’ex allenatore della Ternana – Grande amarezza ma va bene così. Con Larini siamo stati sempre in ottimi rapporti, abbiamo cercato sempre di fare di fare le cose serie e professionali. Non ho ancora mai parlato col presidente ancora. Io non ho accettato la rescissione e lui mi ha esonerato. Riguardo la sua risposta alle mie rimostranze, mi sembra che abbia risposto a cose che io non ho detto. Continuerò comunque a seguirvi, forza Ternana”.

Fabrizio Larini, visibilmente amareggiato, ha lasciato il “Libero Liberati” con una lapidaria affermazione:“Ci sono state diversità di vedute che hanno portato a questa situazione. I presupposti erano quelli di fare un certo di progetto, ma c’erano differenze di vedute e rispetto le opinioni di tutti”.

L’allenamento di oggi, intanto, è stato condotto dallo staff tecnico, con i giocatori ovviamente scossi dall’improvvisa piega che hanno preso gli eventi.
La Ternana, orfana delle due figure chiave di una società, ds e allenatore, rischia ora di perdere qualche pezzo pregiato della sua rosa, non più disposto a subire certe situazioni. Il problema, ora, sarà trovare qualcuno disposto a confrontarsi con una piazza così difficile da gestire. Vedremo cosa accadrà nelle prossime ore.

© Riproduzione riservata

share

Commenti

Stampa