Cani, rumori, acqua, giardino: non solo multe alle auto dalla polizia municipale - Tuttoggi

Cani, rumori, acqua, giardino: non solo multe alle auto dalla polizia municipale

Redazione

Cani, rumori, acqua, giardino: non solo multe alle auto dalla polizia municipale

Lun, 24/02/2020 - 18:05

Condividi su:


Cani, rumori, acqua, giardino: non solo multe alle auto dalla polizia municipale

Non ci sono soltanto le violazioni al Codice della strada e gli interventi in occasione di incidenti tra le attività svolte dalla polizia municipale. Perché gli agenti sono chiamati anche a far rispettare il regolamento comunale di polizia urbana. Gestione degli animali, rumori molesti, scarsa cura del verde ed uso improprio dell’acqua tra le violazioni più frequenti.

Tutte le infrazioni rilevate

Eccole, voce per voce, le violazioni rilevate dalla polizia municipale nel 2019:

  • 32 violazioni dell’art. 4, per occupazione abusiva di suolo pubblico;
  • 1 violazione dell’art. 6 a carico di un soggetto che utilizzava acqua; proveniente da fontanella pubblica per scopi diversi da quelli potabili;
  • 2 violazioni dell’art. 8 a carico di un soggetto che ha scaricato acque e liquidi derivanti da pulizia e lavaggi su area pubblica e di un soggetto che era intento a soddisfare bisogni corporali su spazi ed aree pubbliche, al di fuori dei luoghi a ciò destinati dal Comune;
  • 10 violazioni dell’art. 11 a carico di proprietari di immobili che non hanno provveduto a tenere le aree intorno ai propri fabbricati in perfetto ordine e pulizia;
  • 25 violazioni dell’art. 13 a carico di proprietari di terreni incolti, posti all’interno o a margine di zone urbanizzare, che hanno omesso di mantenere gli stessi liberi da vegetazione spontanea;
  • 4 violazioni dell’art. 18 a carico di soggetti che hanno acceso fuochi a una distanza inferiore a 100 metri dalle abitazioni;
  • 5 violazioni dell’art. 22, a carico di soggetti che hanno utilizzato mezzi meccanici di lavorazione rumorosi al di fuori degli orari consentiti;
  • 22 violazioni ai sensi dell’art. 23, a carico di titolari di pubblici esercizi e proprietari o locatari di abitazioni private, che non hanno impedito che la musica prodotta all’interno del proprio locale o il rumore prodotto all’interno della propria abitazione recasse disturbo al vicinato;
  • 6 violazioni dell’art. 25 a carico di soggetti detentori o proprietari di cani che, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, hanno condotto gli stessi senza guinzaglio.
  • 4 violazioni all’art. 27 a carico di soggetti, che con i propri animali di bassa corte, hanno arrecato disturbo al vicinato a causa delle esalazioni odorigene
  • 2 violazioni all’art. 28 a carico di soggetti che hanno alimentato colombi allo stato libero
  • 2 violazioni dell’art. 29 a carico di soggetti che hanno parcheggiato il proprio veicolo all’interno delle aree verdi
  • 2 violazioni ai sensi dell’art. 32 a carico di soggetti che chiedevano denaro ai semafori, alle casse automatiche dei parcheggi e presso luoghi di culto

Tra le attività più rilevanti, è risultata particolarmente intensa la presenza degli agenti nei parchi pubblici, soprattutto nel periodo primaverile ed estivo, non solo con finalità repressive rispetto alle attività previste dal regolamento, ma anche per una maggiore sicurezza delle aree stesse.


Condividi su:


Aggiungi un commento