Bollette salate, call center intasati e sportello chiuso | Caos Umbra Acque a Umbertide

Bollette salate, call center intasati e sportello chiuso | Caos Umbra Acque a Umbertide

Lo sportello chiude i battenti senza preavviso nell’unico giorno disponibile e i cittadini si infuriano, l’Amministrazione comunale chiederà spiegazioni all’azienda

share

Bollette salate, attese infinite per parlare con il call center e, proprio ieri mattina (mercoledì 15 maggio), anche la chiusura senza preavviso dello sportello informativo nell’unico giorno disponibile. A Umbertide, ora, regna davvero il caos per quanto riguarda Umbra Acque, il cui ultimo disservizio ha fatto letteralmente infuriare i cittadini.

Le numerose segnalazioni hanno infatti spinto l’Amministrazione comunale a chiedere prima possibile, nelle sedi opportune, informazioni e chiarimenti all’azienda su quanto accaduto. Alcuni umbertidesi – fanno sapere i diretti interessati – ieri si sono ritrovati in fila addirittura dalle 7.30, venendo a sapere della chiusura solo alle 9. C’è pure chi fa notare che “lo sportello ha chiuso i battenti anche mercoledì scorso”.

Ma le difficoltà per avere spiegazioni sulle cifre esorbitanti che appaiono in bolletta sembrano aumentare. “L’ho chiamati almeno 3-4 volte, anche aspettando mezz’ora la linea con 15 persone davanti” lamenta un altro cittadino. Mentre un altro ancora propone: “Se si confermasse una generalizzazione dì bollette gonfiate non escluderei di passare allo sciopero (o blocco) del pagamento da parte di tutti”.

Ma il problema delle bollette salate a Umbertide non è certo un caso isolato. Anche a Città di Castello, infatti, la questione è da tempo argomento di discussione, e i call center, nel tifernate, sono letteralmente presi d’assalto, quasi sempre invano, per chiedere spiegazioni in merito.

share

Commenti

Stampa