Bagarre in consiglio: "Siete fascisti" e scoppia il caos |Gammarota si scusa

Bagarre in consiglio: “Siete fascisti” e scoppia il caos | Gammarota si scusa

Redazione

Bagarre in consiglio: “Siete fascisti” e scoppia il caos | Gammarota si scusa

Gio, 20/05/2021 - 18:34

Condividi su:


Seduta tesissima e accesa. All'ordine del giorno Parco della Scienza

E’ bagarre in consiglio comunale. A scatenare il caos l’interrogazione sull’ex zuccherificio presentata dal centrosinistra, illustrata in aula dalla consigliera comunale Rita Barbetti (Pd). E nelle sue repliche, in una seduta iniziata con grande tensione, il picco.

Parco della Scienza, presidente Tesei: “Il Piano umbro non è un collage di progetti locali”

Mentre la consigliera Barbetti parlava dell’Accordo tra Coop e Comune del 2019 per l’ex Zuccherificio, prima il sindaco Stefano Zuccarini e poi Marco Cesaro, che aveva gestito la risposta, sono intervenuti. “Non è accettabile, volete coartare la volontà dell’amministrazione comunale“, ha detto Zuccarini sottolineando come “Museo e Zuccherificio sono due cose separate“. Cesaro aveva ribadito le implicazioni giurisdizionali che, negli anni, hanno prodotto fino a 11 procedimenti.

Qui l’intervento del consigliere Mario Gammarota (Foligno 2030): “E’ vergognoso che non la fate parlare, siete dei fascisti“. A provare a gestire gli animi, il presidente del consiglio comunale, Lorenzo Schiarea.

Le scuse

Subito la richiesta di sospensione da parte del consigliere Mauro Malaridotto (Lega). E al ritorno, proprio Malaridotto: “Abbiamo ascoltato una frase che non è accettabile. Chiedo al consigliere se conferma“. E Gammarota: “Chi mi conosce sa la passione e l’educazione istituzionale che mi contraddistingue. So anche riconoscere gli errori. Nel caso specifico, vedendo una donna, interrotta da due uomini, ho visto un atteggiamento non consono. Mi scuso col cuore, ma chiedo il rispetto del regolamento“.

Barbetti

E’ deplorevole quanto accaduto – ha detto la consigliera Barbetti (Pd) nel suo intervento successivo – nell’antica Grecia si diceva ‘alle donne è ornamento il silenzio’. Qui non è stato fatto perché donna, ma resta il fatto che sia stato un atto di violenza“.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!