Assicurazione auto: ecco quando scegliere soluzioni temporanee di sei mesi - Tuttoggi

Assicurazione auto: ecco quando scegliere soluzioni temporanee di sei mesi

Redazione

Assicurazione auto: ecco quando scegliere soluzioni temporanee di sei mesi

Quando conviene sottoscrivere un’assicurazione semestrale e come funziona
Mar, 11/02/2020 - 10:32

Condividi su:


Assicurazione auto: ecco quando scegliere soluzioni temporanee di sei mesi

Per circolare sulle strade è necessario che l’automobile sia dotata di assicurazione. Il metodo standard con cui viene assicurata un’auto è quello di attivare una polizza annuale. In molti casi questa è anche la soluzione più conveniente, ma in determinate situazioni potrebbe essere anche uno spreco, non perché sia possibile circolare senza (ricordiamo ancora una volta che è obbligatorio sottoscrivere l’assicurazione per il mezzo), ma perché esistono soluzioni temporanee di sei mesi che molto spesso possono tornare utili e rivelarsi decisamente più convenienti.

Ovviamente non c’è da confondersi tra questo tipo di assicurazione e quelle annuali con pagamento semestrale: nel primo caso si parla di assicurazioni che coprono la macchina per la sola durata di sei mesi.

Ovviamente è necessario considerare bene le alternative a disposizione e le proposte sul mercato. Fortunatamente ci sono servizi che aiutano i clienti in queste scelte, come quelli offerti da CheScelta.it, un portale che confronta le migliori proposte sul mercato.

Quando conviene sottoscrivere un’assicurazione semestrale

Il caso più comune in cui un gran numero di utenti si ritrova e sceglie di optare per un’assicurazione semestrale è quandosi è già sicuri di utilizzare undeterminatomezzoper un periodo limitato di tempo. L’obbligo di assicurazione per la circolazione vale anche per moto, motorini e scooter: per questi mezzi è già da tempo diffusa l’usanza di sottoscrivere assicurazioni di sei mesi. Lo scenario più comune è quello di un utente che possiede un altro mezzo di trasporto, ma preferisce nei mesi estivi spostarsi con una moto, scegliendo invece nei mesi invernali l’abitacolo dell’automobile e la sua aria condizionata.

Sempre più utenti però stanno optando per questa soluzione anche per quanto riguarda le automobili, ad esempio i possessori di decappottabili che sanno già di utilizzare queste vetture solamente nei mesi più caldi, scegliendo macchine più tradizionali durante l’inverno.

Questo tipo di polizza può essere utile anche se si possiede un’automobile vecchia: se si è già a conoscenzachesi cambierà l’auto entro un periodo breve, si può scegliere di sottoscrivere un’assicurazione semestrale in modo da evitare di pagare l’intero importo annuale. Questa scelta è particolarmente conveniente quando si ha in programma di rottamare l’auto, evitando così di chiedere la disdetta alla compagnia.

Le assicurazioni di sei mesi possono così essere una risorsa che fa risparmiare all’utente una bella cifra annua. Anche se il premio annuale, come è risaputo, può variare in base a molti fattori e da compagnia a compagnia, se si è sicuri di utilizzare la vettura per un periodo di tempo limitato c’è la possibilità di risparmiare anche fino a diverse centinaia di euro.

Come funziona una polizza semestrale

Il primo punto caratterizzante, facilmente intuibile, è che copre l’automobile per soli sei mesi. A differenza delle assicurazioni annuali però, i sei mesi sono effettivi, in quanto con questo tipo di soluzione non è previsto il cosiddetto periodo di tolleranza, invece presente nelle polizze annuali, con le quali il cliente ha diritto a 15 giorni di copertura in cui può tranquillamente circolare prima di dover rinnovare la polizza. Con le polizze semestrali, una volta scaduto il contratto, il veicolo non sarà invece più coperto e non potrà più circolare a partire dalla mezzanotte del giorno successivo alla scadenza.

Solitamente con questo tipo di polizza viene sottoscritta solo l’assicurazione obbligatoria, ovvero la RCA, ma è possibile aggiungere altre opzioni e garanzie accessorie, al fine di proteggere il veicolo da altri rischi o nel caso in cui l’autista subisca infortuni mentre si trova alla guida.

Aggiungi un commento