Appello di Cia e Confagricoltura, "Agricoltura Umbra al collasso occorrono interventi urgenti" - Tuttoggi

Appello di Cia e Confagricoltura, “Agricoltura Umbra al collasso occorrono interventi urgenti”

Redazione

Appello di Cia e Confagricoltura, “Agricoltura Umbra al collasso occorrono interventi urgenti”

Prolungata siccità ,danni da ungulati, ritardo nei pagamenti dei contributi del Piano di sviluppo rurale da parte di Agea
Ven, 06/10/2017 - 11:20

Condividi su:


Appello di Cia e Confagricoltura, “Agricoltura Umbra al collasso occorrono interventi urgenti”

Prolungata siccità, danni da ungulati, ritardo nei pagamenti dei contributi del Piano di sviluppo rurale da parte di Agea. “L’agricoltura umbra è al collasso”.

Lo dichiarano senza mezzi termini i Presidenti di Cia e Confagricoltura dell’Umbria rispettivamente Domenico Brugnoni e Marco Caprai. Entrambe le organizzazioni chiedono pertanto alla Regione l’immediato pagamento dei contributi da parte dell’Agenzia.

Disastrose secondo la Cia dell’Umbria e Confagricoltura le conseguenze di questi ritardi nell’erogazione dei contributi sui bilanci delle imprese agricole e zootecniche e sulla loro tenuta finanziaria. “In un momento di particolare criticità per il settore in Umbria -dicono i due Presidenti- le produzioni delle importanti eccellenze regionali come olio, legumi e creali fortemente compromesse dalla siccità e con i prezzi di mercato che non consentono di coprire i costi di produzione, ritardi di oltre due anni e mezzo nella riscossione dei premi, mettono in ginocchio numerose aziende che rischiano di chiudere i battenti definitivamente”.

Ad aggravare la situazione già drammatica l’emergenza ungulati che in Umbria è fuori controllo. Cia e Confagricoltura chiedono poi piani immediati e adeguati di contenimento e prevenzione della specie cinghiale e il riconoscimento dei danni alle colture e agli allevamenti. In fine la Cia dell’Umbria torna a sollecitare la pratica della cosidetta “braccata”, già adottata in Toscana suggerendo una caccia con i cani più incisiva, poiché afferma Domenico Brugnoni “Non è con la riduzione del termine da 48-12 ore per l’attivazione degli interventi che in Umbria si può arginare la drammatica piaga dei danni da cinghiale provocati alle colture”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!