Cut di Perugia sostiene il Teatro Lirico Sperimentale “Nuovo omicidio culturale”

Cut di Perugia sostiene il Teatro Lirico Sperimentale “Nuovo omicidio culturale”

Roberto Ruggieri si unisce all’appello per il Lirico dopo la triste sorte del Centro universitario teatrale | Solidarietà anche da altri artisti

share

A difendere il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto arriva anche il direttore del Cut, il Centro universitario teatrale di Perugia, Roberto Ruggieri, che ha praticamente chiuso i battenti un anno fa. Un lungo sfogo, quello di Ruggieri, che si trasforma in appello alle istituzioni a favore del Lirico, in stato di crisi.

“Esattamente un anno fa i maggiori quotidiani e siti web umbri – ricorda Ruggieri – denunciavano con stupore e indignazione lo stato di crisi del CUT Centro Universitario Teatrale di Perugia, in procinto di chiudere dopo 54 anni di onorata attività nell’ambito della ricerca e dell’Alta Formazione artistica teatrale: un evento così assurdo da sembrare irreale.

Si leggeva della fine, tanto ingloriosa quanto silenziosa, nell’inspiegabile indifferenza dell’Amministrazione regionale – che pur l’aveva sostenuto per decenni – di una delle realtà artistiche e culturali d’eccellenza, vanto della nostra regione, una delle realtà artistiche e culturali parte del patrimonio della regione, tanto da rappresentare il nostro Pese in qualificati contesti e festival internazionali, e dalle cui fila sono uscite intere generazioni di intellettuali e attori professionisti, frequentata dal meglio del milieu teatrale internazionale dal 1963 ad oggi (Fo, Ronconi, Barba, Karpov, Flaszen, Stuhr, Latella, Albertazzi, ecc.), annoverante un corpo docente composto da illustri e autorevoli personalità provenienti da prestigiose università e accademie europee”.


Cala il sipario sul Cut | Il direttore Ruggeri “Getto la spugna”


“Le disgrazie tuttavia – evidenzia il direttore del Cut – non vengono mai da sole, piove sempre sul bagnato. Oggi leggiamo purtroppo che sta avvenendo un altro “omicidio culturale”: siamo messi al corrente dello stato di crisi di un’altra nota istituzione artistica di valenza internazionale, con oltre 70 anni di prestigiosa vita alle spalle, il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto. Centro di Alta formazione professionale, noto e stimato in ambito internazionale (più all’estero che qui da noi in verità), conosciuto e stimato non solo nel nostro continente, ma anche in ambito mondiale, fino nell’estremo Oriente, riferimento indiscusso di grande valore per la promozione e qualificazione professionale artistica non solamente di strumentisti, pianisti, maestri collaboratori, cantanti lirici, ma della lirica in quanto tale, da considerare e ritenuta patrimonio dell’intera umanità.

Il motivo è sempre lo stesso, più che economico (il deficit di neanche 500 mila euro, dopo 70 anni di attività, è da considerarsi davvero irrisorio se non risibile) si direbbe invece risultato di una indiscriminata miopia politica e culturale. Il settore della formazione professionale in ambito culturale, in Umbria, lo sottolineiamo con dolore e amarezza, è fermo ormai da anni, dopo esser stato per decenni il fiore all’occhiello della nostra regione sul piano nazionale e non solo, in grado di richiamare ed attrarre giovani talenti artistici da tutta Italia e dall’estero. Le eccellenze artistiche umbre sul fronte dell’Alta Formazione sono state improvvisamente e inspiegabilmente abbandonate a se stesse da Regione Umbria nonostante le ingenti risorse economiche messe a disposizione dal Fondo Sociale Europeo, tutt’oggi, e ormai da tre anni, rimaste inutilizzate.


Sperimentale, appello dei precari “Creare un Teatro stabile della Lirica”


Il divario tra società legale e società reale sembra ormai incolmabile, ogni interrogativo rischia perciò di apparire puramente retorico. Nonostante tutto, l’ottimismo della ragione ne fa porre ancora qualcuno, per non lasciare nulla d’intentato. Può permettersi il lusso la nostra regione, l’Amministrazione che la governa, additando giustificazioni di precari equilibri del proprio bilancio, di disattivare le risorse economiche europee di cui può disporre, affossando al contempo quelle culturali autoctone? Può consapevolmente compiere atti così gravi contribuendo in tal modo, e in misura così pesante, al ristagno culturale della comunità sociale che dovrebbe proteggere, incentivare e rappresentare, disimpegnandosi su questo fronte riservato in particolare alle nuove generazioni, deludendo le necessità del ricambio generazionale? Può rendersi così poco avveduta, agendo con tanta ingratitudine, da consentire la chiusura di attività d’eccellenza, ignorando così la storia, il patrimonio artistico accumulato e le necessità espresse da più parti, dal tessuto più sensibile di questo territorio?

Io credo che le istituzioni debbano essere richiamate a compiere un gesto di grande responsabilità istituzionale. Chiunque taccia, non farebbe che acconsentire.

Vorrei aggiungere il mio nominativo – conclude Ruggieri – all’appello alla Presidente Catiuscia Marini, al Vicepresidente e Assessore alle Politiche per la competitività e crescita del sistema economico-produttivo, all’economia, al commercio, al turismo, e all’Assessore  alla Cultura, perché ripensino le politiche sulla formazione professionale, riservando i fondi necessari per continuare le esperienze di Alta formazione.

Vorrei inoltre esprimere tutta la mia vicinanza e solidarietà al dott. Claudio Lepore e al Maestro Michelangelo Zurletti,  al loro sublime spirito di abnegazione, nonché la mia fiducia e stima per come hanno operato in questi anni alla guida e alla conduzione del Teatro Lirico Sperimentale”.

Nuovi messaggi di solidarietà per il Lirico

Oltre al Cut di Perugia e dopo i Premi Oscar Ennio Morricone e Nicola Piovani, continuano ad arrivare messaggi di sostegno e solidarietà da parte di altre personalità del mondo della musica e dello spettacolo.

E così si aggiungono ai firmatari originari, fanno sapere dal Teatro Lirico – ulteriori nomi di spicco del mondo artistico nazionale e internazionale come quello dei celebri cantanti Lella Cuberli, Roberto De Candia, Claudio Desderi, Giovanni Guarino; del regista e direttore artistico Daniele Abbado e dei registi e scenografi Giorgio Bongiovanni, Stefano Monti, Alessio Pizzech, Roberto Ruggeri, Giorgio Sangati e Andrea Stanisci; il critico musicale Bruno Baudissone.

L’appello – viene ricordato – è finalizzato a sollecitare la Regione Umbria a riattivare gli importanti corsi di Alta Formazione d’eccellenza iniziati con grande successo a Spoleto nel 1991 e a sollecitare la Regione Umbria e il Comune di Spoleto di voler sostenere in modo adeguato l’attività istituzionale del Teatro Lirico Sperimentale con fondi più cospicui e ricorrenti.

Ad oggi hanno sottoscritto l’appello: Jorge Abarza, Daniele Abbado, Louis Andriessen, Marco Angius, Tonino Battista, Bruno Baudissone, Giorgio Bongiovanni, Pierfrancesco Borrelli, Micaela Carosi, Loriana Castellano, Andrea Cera, Vito Clemente, Antonella Colaianni, Marina Comparato, Lella Cuberli, Roberto de Candia, Claudio Desderi, Norma Fantini, Amelia Felle, Enrico Girardi, Lucio Gregoretti, Giovanni Guarino, Adriano Guarnieri, Thomas Kiechle, Andrea Mele, Enrico Marocchini, Diego Moccia, Vittorio Montalti, Stefano Monti, Ennio Morricone, Edda Moser, Nicola Piovani, Alessio Pizzech, Roberto Ruggeri, Giorgio Sangati, Jonathan Santagada, Francesco Saponaro, Andrea Stanisci, Flavio Emilio Scogna, Carlo Verdone, Riccardo Zanellato.

share

Commenti

Stampa