Alex, gli indizi a carico della madre e quella macabra foto inviata al papà FOTO

Alex, gli indizi a carico della madre e quella macabra foto inviata al papà | FOTO

Massimo Sbardella

Alex, gli indizi a carico della madre e quella macabra foto inviata al papà | FOTO

Sab, 02/10/2021 - 13:25

Condividi su:


La 44enne ungherese dal carcere nega tutto, ma ha dato versioni confuse e discordanti | Nella sua borsa trovato un coltello spezzato

E’ accusata di omicidio la mamma di Alex Juhasz, il bimbo di 2 anni morto accoltellato. La donna, ungherese di 44 anni, nella notte è stata portata nel carcere perugino di Capanne al termine di un lungo interrogatorio nella caserma dei carabinieri.

Bimbo ucciso, la madre portata in carcere nella notte

Lei nega di aver colpito suo figlio, anche se ha dato versioni contrastanti su quegli attimi concitati, prima di presentarsi con il corpo del piccolo sanguinante all’interno del supermercato Lidl di Po’ Bandino. Frazione del comune di Città della Pieve, vicino a Chiusi, città toscana dove era temporaneamente domiciliata. E da dove dice di essere arrivata a piedi insieme al piccolo Alex.

Il night e Ikea, il primo figlio e Alex conteso:
la vita di Erzsebet fino al carcere

Gli indizi a carico della madre

Pesanti gli indizi a carico della donna. Nella sua borsa è stato trovato un coltello, spezzato, insanguinato. Si sta accertando se si tratti dell’arma del delitto.

Katalin dal carcere: “Non ho ucciso mio figlio”
Ma poi non risponde al gip

Le videocamere di sorveglianza della zona la riprendono mentre entra da sola con il piccolo nello stabile abbandonato, dall’altra parte della strada rispetto al supermercato, dove si sarebbe consumato il delitto. Nello stabile gli inquirenti hanno trovato la maglietta del piccolo, con i segni lasciati dal coltello, un pannolino e alcuni giocattoli.

Tracce di sangue anche sul passeggino, trovato richiuso ai bordi di un campo.

La donna era entrata nel supermercato con in braccio il piccolo Alex, insanguinato e forse già privo di vita, urlando e chiedendo aiuto.

Orrore al supermercato, così è morto il piccolo Alex

La macabra foto ricevuta dal padre

C’è poi un altro elemento inquietante, al vaglio degli inquirenti. Il padre del piccolo, che è in Ungheria, sostiene di aver ricevuto tramite i social una foto di Alex, già privo di vita. Un elemento che, se confermato, apre altri scenari sul terribile omicidio del piccolo Alex.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!