A Montefalco, il Sacro e il Profano- Storia e Storie di Costumi e di Cinema - Tuttoggi

A Montefalco, il Sacro e il Profano- Storia e Storie di Costumi e di Cinema

Redazione

A Montefalco, il Sacro e il Profano- Storia e Storie di Costumi e di Cinema

Gio, 30/05/2013 - 16:56

Condividi su:


La terza edizione di “Armonie d’Arte” nasce anche quest’anno come un evento con l’obiettivo di trascinare il pubblico in un percorso fatto di tessuti, note, immagini, parole, suggestioni artistiche e sapori.

Due i tempi che ispirano la rassegna: la dicotomia tra sacro e profano, che trova una sintesi nelle opere di Pier Paolo Pasolini, e la storia della bellezza attraverso costumi e acconciature. L’Associazione MontefalcoinArte, organizzatrice dell’evento, dopo il grande riscontro di pubblico dell’edizione 2012 propone infatti, per l’estate 2013, un calendario di appuntamenti che dal 2 giugno al 31 agosto 2013 animeranno il Museo Civico di San Francesco e il Chiostro di Sant’Agostino di Montefalco, con due suggestive mostre di costumi di scena e una di abiti-scultura: protagonisti, tra gli altri, gli abiti realizzati dal premio oscar Danilo Donati per i film di Pier Paolo Pasolini e di Zeffirelli, oltre ai costumi e gli accessori di scena di “La figlia di Elisa, ritorno a Rivombrosa” di Stefano Alleva, costumi curati da alcune delle più grandi sartorie italiane.
“Armonie d’Arte” racchiude, inoltre, un calendario di spettacoli e concerti che prende spunto proprio dai temi delle mostre, torna così anche nella musica e negli spettacoli “il Sacro, il Profano e la Bellezza”. Dai sonetti del Trecento alla musica nei film di Pasolini, un viaggio immaginario a ritroso nel tempo che racconta la dicotomia tra concesso e proibito, passando per i sonetti erotici del settecento fino ad arrivare alle poesie di Pier Paolo Pasolini.

Dal 2 giugno fino al 14 luglio le sale del Museo di San Francesco ospiteranno la mostra “Il Sacro e il Profano, storie di costume e di cinema” a cura di Alessia Vergari con i costumi di scena realizzati dal premio oscar Danilo Donati per i film di Pier Paolo Pasolini che sorprenderanno il pubblico per la loro arcaica semplicità.
Sabato 27 luglio le sale espositive del Museo lasceranno il testimone ad un’altra magnifica mostra: “Dalla grazia alla bellezza inquieta” a cura di Paola Bortolotti, Andrea Grisanti e Alessia Vergari, dove fino al 31 agosto saranno protagonisti i costumi e gli accessori di scena dei film curati dalle sartorie Casa d’Arte Cerratelli e Gelsi Costumi d’Arte, come “Romeo e Giulietta” di Franco Zeffirelli e “La figlia di Elisa, ritorno a Rivombrosa” di Stefano Alleva.
La mostra al Chiostro di Sant’Agostino dal titolo “Vestiti d’Arte” a cura di Claudia Bottini, dal 9 giungo al 6 luglio proporrà, invece, una rilettura contemporanea dell’abito grazie a noti artisti umbri e piemontesi di fiber art e art wear.

MOSTRE

“IL SACRO E IL PROFANO, STORIE DI COSTUME E DI CINEMA” – 2 Giugno//14 Luglio 2013 – Museo Civico San Francesco

Che cos’è il Sacro? Che cos’è il Profano? Ma soprattutto, come queste due dimensioni interagiscono tra unità e contrapposizione? Una mostra che è anche un omaggio a Pier Paolo Pasolini, scrittore poeta, artista che ha saputo, come pochi, sintetizzare nelle sue opere la storica dicotomia tra sacro e profano.
La mostra “Il Sacro e il Profano, storie di costume e di cinema”, a cura di Alessia Vergari sarà il punto di partenza e di arrivo di questo viaggio fatto di parole, note e tessuti. Ospitata nelle tre gallerie degli spazi temporanei del Museo Civico, immagini e costumi della sartoria Farani di Roma, renderanno omaggio ad alcuni dei più significativi film di Pasolini, come la “trilogia della vita”, “Il Vangelo Secondo Matteo” e “Edipo Re”.

“VESTITI D’ARTE, IL VESTITO IN ARTE CONTEMPORANEA” – 9 giugno//6 luglio – Chiostro Sant’Agostino

Un percorso parallelo alla prima mostra, che vuole rappresentare l’evoluzione delle tendenze, degli stili e delle correnti d’arte contemporanea del “Vestito” e della “Fibra”. Espressioni artistiche di Fiber Art e Art Wear (o Wearable Art) , delle artiste Valeria Scuteri, Silvia Beccaria, Elisa Leclè e Alessandra Pierelli e opera scultore di Marco Pietrosanti. A cura di Claudia Bottini.

“DALLA GRAZIA ALLA BELLEZZA INQUIETA, COSTUMI DI SCENA DELLE SARTORIE CASA D’ARTE CERRATELLI E GELSI COSTUMI D’ARTE” – 27 Luglio//31 Agosto 2013 – Museo Civico San Francesco

Gli spazi espositivi del Museo di San Francesco metteranno in scena la “Bellezza” in tutte le sue declinazioni. Il concetto estetico di “Bello” trova nei secoli varie interpretazioni, e lasciando le disquisizioni filosofiche ad altra sede, la mostra “Dalla grazia alla bellezza inquieta”, a cura di Paola Bortolotti, Andrea Grisanti e Alessia Vergari, vuole essere un omaggio alla bellezza come creazione del cinema e come stato di grazia, attraverso un linguaggio fatto di parrucche, accessori e magnifici costumi realizzati dalle due grandi Sartorie: Casa D’Arte Cerratelli e Gelsi Costumi d’Arte.
I costumi e gli accessori di scena esposti arrivano dai seguenti film:“Romeo e Giulietta” e la “Bisbetica domata”di Franco Zeffirelli; “La figlia di Elisa, ritorno a Rivombrosa” di Stefano Alleva; “ Il Falco e la colomba” di Giorgio Serafini.
La serata inaugurale, sabato 27 luglio, vedrà la partecipazione, alle ore 18.30, di Jane Alexander e Noemi Smorra come protagoniste dello spettacolo “DALLA GRAZIA ALLA BELLEZZA INQUIETA”.
Sabato 31 agosto, dopo il finissage della mostra previsto per le 18.30, seguirà la presentazione del libro-catalogo conclusivo delle mostre dal titolo “L’ARTE DI VESTIRE”.

SPETTACOLI

Domenica 2 giugno alle ore 18:00 – “LA PERLA DELLE DONNE”
La rassegna si apre, con lo spettacolo in collaborazione con l’Associazione Amici della Musica di Foligno dal titolo “LA PERLA DELLE DONNE” poesie erotiche e oscene di Giorgio Baffo e Giuseppe Gioachino Belli, con Daniela Mazzucato, Sandro Cappelletto, Elio Pandolfi e Marco Scolastra.
A seguire aperitivo nei giardini del Museo
Spettacolo a pagamento, per informazioni: info@amicimusicafoligno.it

Domenica 9 giugno alle ore 18:30 evento performativo “4 DIMENSIONI”
Gli artisti Emiliano Yuri Paolini, Marco Pietrosanti e Andrea Ceccomori si esibiscono in un’estemporanea di musica e arte, che trascinerà lo spettatore in un’esperienza emozionale fatta di luci e suoni.
A seguire aperitivo nel Chiostro.

Sabato 15 giugno alle ore 21:00, “MUSICA DISONESTA, MITI E RACCONTI DELL’UMANESIMO ITALIANO”
Concerto di Anonima Frottolisti. Storie della quotidianità del quattrocento, musicate con strumenti copie originali dell’epoca, che racchiudono un significativo spaccato della cultura popolare e del contesto storico e sociale dell’epoca.
Alle ore 18:30 degustazione ispirata alla cucina Rinascimentale.

Sabato 22 giugno alle ore 21:00, “CANTI DI UNA BRIGATA FIORENTINA” di Micrologus.
In occasione del VII centenario della nascita di Giovanni Boccaccio, i Micrologus propongono Trattenimenti musicali descritti nelle novelle toscane del Trecento, dal Decameron al Paradiso degli Alberti. Viola, liuto e organetto portativo accompagnano il canto e le musiche dei più importanti compositori dell’epoca.
Alle ore 18:30 degustazione ispirata alla cucina Medievale.

Sabato 29 giugno, alle ore 21:00, “TRA LA CARNE E IL CIELO, LE NOTE DI PASOLINI” a cura del Maestro Mauro Presazzi.
Per Pasolini “l’incontro e l’eventuale amalgama tra musica e immagine ha caratteri essenzialmente poetici”.
Alle ore 18.30 aperitivo nel Chiostro.

Sabato 6 luglio, alle ore 18:30, “SKRJABIN O IL DELIRIO DELL’INFINITO”, concerto del maestro Alessandro Bistarelli, pianoforte.
Riflessioni sul pensiero e sull’opera pianistica di Aleksandr Nikolaevic Skrjabin, musicista di primissimo piano nella Russia di fine Ottocento.
A seguire aperitivo nel Chiostro.

Domenica 14 luglio, alle ore 18:30, “CRISTO AL MANDRIONE: POESIA, PROSA E CANZONI DI PIER PAOLO” con la partecipazione degli attori Massimo Popolizio e Elisabetta Piccolomini, al pianoforte Bruno Moretti.

“Pur sopravvivendo, in una lunga appendice d’inesausta, inesauribile passione – che quasi in un altro tempo ha la radice – so che una luce, nel caos, di religione, una luce di bene, mi redime il troppo amore nella disperazione…” (Pier Paolo Pasolini).

Gli spettacoli del 15 e del 22 giugno, saranno accompagnati da degustazioni ispirate alla cucina Medievale e Barocca, perché torna, anche nella storia del cibo una dicotomia ancestrale tra sacro e profano, tra proibito ed ammesso. L’edizione 2013 di Armonie d’Arte, vuole riproporre l’attenzione sul tema dalla dualità tra la cucina Medievale e quella Rinascimentale, due dimensioni storiche che, anche dal punto di vista enogastronomico, incarnano una forte contrapposizione. Dalla semplicità delle tavole Medievali, all’opulenza dei banchetti Rinascimentali, dove prendono vita vere e proprie messinscene con l’ausilio di artigiani e professionisti, perché il cibo è momento di piacere e di studio, come testimoniano il fiorire di attività editoriali sulle arti della tavola. La cucina Rinascimentale eredita i suoi sapori del Medioevo, dove dominano l’uso delle spezie e dello zucchero, degli arrosti, della frutta e delle salse, abbandonandone però alcuni pregiudizi, di cui l’atto del mangiare era impregnato.

Associazione MontefalcoinArte
L’Associazione MontefalcoinArte nasce con l’obiettivo di promuovere azioni di ordine sociale, informativo e culturale. Si propone di incoraggiare le realtà artistiche del territorio umbro, ma anche di favorirne gli scambi culturali con altre città e organizzazioni.
Con i patrocini, rinnovati ogni anno, del Comune, Provincia e Regione l’associazione si impegna nella valorizzazione delle bellezze sia artistiche che enogastronomiche del proprio territorio, attraverso manifestazioni culturali, che sono diventati con il tempo appuntamenti fissi dell’estate umbra e coinvolgono le maggiori aziende del settore.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!