A Foligno in tanti hanno pregato e sperato sino in fondo per l'elezione a Papa del Cardinale Giuseppe Betori - Tuttoggi

A Foligno in tanti hanno pregato e sperato sino in fondo per l'elezione a Papa del Cardinale Giuseppe Betori

Redazione

A Foligno in tanti hanno pregato e sperato sino in fondo per l'elezione a Papa del Cardinale Giuseppe Betori

Ven, 15/03/2013 - 12:32

Condividi su:


A Foligno in tanti hanno pregato e sperato sino in fondo per l'elezione a Papa del Cardinale Giuseppe Betori

Claudio Bianchini
La comunità religiosa di Foligno, ha atteso con particolare attenzione l’elezione del nuovo Pontefice. Quando le fumate nere hanno cominciato a ripetersi, lasciando capire che le logiche del Conclave stavano seguendo percorsi diversi rispetto agli scenari della vigilia, sulle rive del Topino un piccolo ed intimo barlume di speranza si è accesso nel cuore e nell’anima di tanti fedeli. Il pensiero costante, è andato direttamente al Cardinale Giuseppe Betori, che qui a Foligno chiamano ancora tutti, affettuosamente ‘Don Peppino’. Anche qualche sacerdote non fa mistero di aver pregato per lui. Nella Cappella Sistina infatti, tra i 115 protagonisti del Conclave che hanno portato all’elezione di Papa Francesco, c’è stato anche, con un ruolo di primo piano, un folignate doc, che entra così a pieno titolo nella millenaria storia della Chiesa e della città di Foligno. L’ultimo concittadino chiamato ad eleggere un Papa, fu il Cardinale Alessandro Barnabò nella seconda metà dell’800. Monsignor Betori è rimasto impegnato a San Pietro sino alla messa conclusiva di ieri sera, e dalla Città del Vaticano farà direttamente rientro a Firenze. La comunità diocesana di Foligno ha atteso l’elezione del Vescovo di Roma in luogo speciale, in qualche modo legato al tempio della cristianità: la Cappella dell’Assunta in Santa Maria Infraportas, dove si costudisce una memoria del passaggio di San Pietro e San Paolo. Lo rende noto un comunicato stampa a firma di Monsignor Gualtiero Sigismondi. “Subito dopo la fumata bianca è stato commovente vedere il grande concorso di fedeli che ha riempito piazza San Pietro, così come è stato disarmante il gesto compiuto dal nuovo Papa, che si è inchinato dinanzi al popolo romano per ricevere l’abbraccio della preghiera che da tutta la Chiesa si è levata per lui a Dio. In questo immenso coro – fa sapere il Vescovo di Foligno – la nostra Comunità diocesana ha fatto sentire la sua voce, sciogliendo nel canto del Te Deum il silenzio dell’adorazione che ha scortato il Collegio cardinalizio nell’elezione del 265° Successore di Pietro”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!