Vus, Prato Smeraldo e Sportella Marini arriva il porta a porta | Salari lascia

Vus, Prato Smeraldo e Sportella Marini arriva il porta a porta | Salari lascia

Foligno verso il traguardo del 75% di raccolta differenziata | Da domani si tratta sul nuovo presidente

share

Ultima conferenza stampa da presidente della Valle Umbra Servizi per Maurizio Salari, che questa mattina ha convocato la stampa per annunciare la scadenza dell’incarico e tracciare un bilancio di questi sei anni alla guida dell’azienda multiservizi.

L’ex sindaco di Foligno, con due mandati all’attivo è apparso più che soddisfatto dei risultati raggiunti, sia sotto il profilo dell’offerta che sul fronte prettamente economico.

“La Valle Umbra Servizi – ha sottolineato – chiude i bilanci con un utile netto di tre milioni di euro, mentre al momento dell’insediamento l’azienda faceva registrare utili per appena 230mila con difficoltà anche a far fronte a piccole spese e pagamenti.”

La “gestione Salari” ha portato la Valle Umbra Servizi dai 53 milioni di ricavi di sei anni fa agli attuali 61 milioni e mezzo.

L’ultimo atto compiuto questa mattina dal presidente, è stato quello di firmare con la Sogepu di Città di Castello, l’accordo per l’esternalizzazione del servizio della raccolta a domicilio della frazione organica umida. Intesa grazie alla quale, proprio in questi giorni, partirà la raccolta porta o porta con conseguente addio a bidoni stradali, nei quartieri di Prato Smeraldo, Sportella Marini e viale Ancona.

Tre aree strategiche e particolarmente popolate che, nelle intenzioni di Valle Umbra Servizi dovrebbero portare la raccolta differenziata di Foligno dall’attuale 63% agli obiettivi previsti per legge del 75% mentre Spoleto resta ancora sotto il 50% intorno al 48%.

Salari ha poi annunciato che entro il 2018 sarà chiuso il ciclo di raccolta porta a porta nel centro di Foligno.
Domani il consiglio d’amministrazione sarà già chiamato ad indicare il successore di Salari, il nuovo presidente dell’azienda che si occupa del servizio idrico e dell’igiene urbana per conto dei 22 comuni del Folignate, Spoletino e Valnerina. Poi sarà anche la volta del rinnovo dei vertici Vus Com.

Un bilancio tutto e rose con un spina però: l’aumento, nel prossimo biennio, delle tariffe dell’acqua.
Ed ora è già “toto presidente”. Considerando che le due principali amministrazioni, Foligno e Spoleto sono in mano rispettivamente a coalizioni di centrosinistra e centrodestra e che i comuni non in mano al PD sono numerosi, trovare un’intesa sarà davvero difficile. Si parlerebbe infatti, sempre con più insistenza, di una figura tecnica del settore.

share

Commenti

Stampa