VUS, il Consorzio Italiano Compostatori ha visitato il biodigestore di Casone

VUS, il Consorzio Italiano Compostatori ha visitato il biodigestore di Casone

Un impianto all’avanguardia per un ciclo virtuoso dei rifiuti organici

share

Dopo la Giornata del suolo, che si è celebrata lo scorso 5 dicembre ad Assisi, si è tenuta ieri 6 dicembre, una iniziativa che mira a mettere a punto il ciclo virtuoso dei rifiuti organici che è stato avviato con l’apertura del biodigestore di Casone e rafforzato con l’accordo di ottobre scorso tra Valle Umbra Servizi e Consorzio Italiano Compostatori.

L’Ente Nazionale, che certifica tra l’altro il compost prodotto a Casone, ha visitato  l’impianto e a seguire ha tenuto la riunione del Comitato Tecnico Nazionale a Foligno nella sede della Valle Umbra Servizi.

Erano presenti per l’azienda Daniela Riganelli, Consigliera di Amministrazione del Cda che ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di avere il Comitato tecnico del CIC per visitare l’impianto di Casone nel nostro territorio, fondamentale per realizzare concretamente l’economia circolare. Abbiamo intrapreso un percorso che ci porterà a migliorare e incrementare in modo significativo la raccolta dell’organico; questo è determinante per ottimizzare l’utilizzo del biodigestore, che come è noto produce il compost da utilizzare in agricoltura e il biogas che sarà immesso a breve nella rete cittadina del metano. È questo un esempio evidente dell’utilizzo dei rifiuti come risorsa, con grande vantaggio dell’ambiente”.

Molto soddisfatto dell’iniziativa è il Responsabile Unico dell’Igiene Ambientale di Valle Umbra Servizi, Moreno Marionni, che ha dichiarato: “Impiegare il compost che deriva dal riutilizzo dei nostri rifiuti organici non rappresenta solo un esempio virtuoso di trattamento del ciclo dei rifiuti, il grande vantaggio ambientale deriva anche dall’apporto che il compost dà al suolo. La pratica di un’agricoltura con forte utilizzo di fertilizzanti chimici sta creando il problema della desertificazione del suolo e un modo efficace per combatterla è appunto reintrodurre materia organica con il compost”.

Alberto Confalonieri del CIC aggiunge: “ Ringrazio molto Valle Umbra Servizi e Asjambiente per avere ospitato il nostro Comitato Tecnico e averci fatto visitare un impianto che contribuisce e va nella giusta direzione per raggiungere gli obiettivi di riciclo virtuoso dei rifiuti organici grazie alla produzione di compost e di biometano”.

Le iniziative frutto dell’accordo tra Valle Umbra Servizi e Consorzio Italiano Compostatori proseguiranno anche nei mesi prossimi con eventi di formazione e di promozione dell’uso del compost, sia in agricoltura che nella vivaistica, che nei confronti di tutti i cittadini del territorio.

share

Commenti

Stampa