Vus assume 30 dipendenti, 35mila euro per chi si occuperà della selezione

Vus assume 30 dipendenti, 35mila euro per chi si occuperà della selezione

Riprende il concorso rivolto a operatori di igiene urbana avviato nel 2015, in 2.418 sperano per 30 posti a tempo indeterminato | Preselezione per individuare i primi 300 in graduatoria, ma c’è chi sarà esentato

share

Dopo quasi tre anni di ‘pausa’, la Vus è pronta a completare il concorso per l’assunzione di 30 dipendenti a tempo indeterminato, operatori del settore igiene urbana. Ma per farlo ha bisogno di un’agenzia esterna che si occupi delle selezioni. Questo, almeno, quanto emerge da un avviso pubblico datato 25 settembre a firma del direttore generale di Vus Walter Rossi, un invito a manifestare offerte fino ad un valore massimo stimato di 35mila euro.

Sono infatti ben 2.418 le persone che, alla fine del 2015, avevano partecipato al bando di concorso, bloccato per la riforma Madia che lasciava dubbi sulla possibilità di fare assunzioni da parte dell’azienda partecipata dai 22 Comuni della valle umbra sud. Situazione che ora si sarebbe sbloccata, consentendo così di procedere nelle selezioni e nelle assunzioni.


Vus assume 30 operatori: bando ‘blindato’ rischio ricorsi 


Le domande per gli operatori economici che vogliono offrirsi per espletare il concorso per conto della Valle umbra servizi dovranno essere presentate entro le ore 12 del 25 ottobre. Tra le clausole previste, il fatto che “La VUS Spa declina ogni responsabilità eventuale e futura, di carattere civile/amministrativo/penale che dovesse emergere relativamente a tutte le attività che verranno svolte dall’operatore economico dall’inizio dell’attività oggetto della presente manifestazione fino alla consegna della graduatoria finale”. Dunque eventuali contenziosi da chi rimarrà escluso dal concorso per netturbini saranno a carico del selezionatore esterno.

L’avviso prevede che l’operatore economico dovrà svolgere la totalità delle attività tecnico–amministrative legate alle attività necessarie per l’attuazione della selezione finalizzate alla redazione della graduatoria finale e dovrà espletare varie fasi, come ad esempio:
– tutte le attività inerenti la prova preselettiva e relativa correzione dei test ed attribuzione punteggi
– tutte le attività inerenti la prova tecnico-pratica ed attribuzione punteggi
– tutte le attività inerenti il colloquio individuale e relativa attribuzione di punteggi
– valutazione dei titoli dichiarati nella domanda di partecipazione
– valutazione dei punteggi complessivi
– predisposizione e consegna della graduatoria finale
La graduatoria finale dovrà essere consegnata alla Valle Umbra Servizi Spa entro il termine massimo di due mesi dalla data di stipula del contratto/ordine.

La selezione dovrà essere svolta seguendo il bando di concorso emesso nel 2015 dalla Vus, che prevede una fase preselettiva: verranno infatti ammessi alla prova tecnico-pratica i primi 300 classificati della prova preselettiva. Ma sono esentati dalle preselezioni e “direttamente ammessi alla fase successiva i candidati che hanno  svolto attività lavorative nel settore di igiene urbana direttamente presso la Valle Umbra Servizi Spa o presso analoghe aziende in house a totale controllo pubblico (anche con contratto di somministrazione lavoro), per almeno due anni nei cinque anni precedenti alla data di pubblicazione della presente selezione (quindi prima del 2015, ndr)”.

In sostanza, quindi, ci sarà una corsia preferenziale per chi già – da esterno o da precario – ha fatto o fa da anni quel lavoro. Il risultato, probabilmente, sarà quello di una regolarizzazione di quanto avviene già oggi. E lo si farà puntando sull’aiuto di un operatore esterno, probabilmente perché Vus non ha adeguata forza lavoro per effettuare in proprio la selezione. Anche se già tre anni fa il Comune di Spoleto aveva ufficialmente posto la questione sulla necessità o meno del concorso, sostenendo che per assumere profili quali quelli richiesti dall’azienda, in linea con le procedure del pubblico impiego a cui le società partecipate sottostanno, sarebbe probabilmente bastato attingere alle graduatorie dei centri per l’impiego, senza quindi alcuna selezione né spese per l’azienda.

share

Commenti

Stampa