Violenza su donne e minori, a Foligno 'Una stanza tutta per sé' | Le foto - Tuttoggi

Violenza su donne e minori, a Foligno ‘Una stanza tutta per sé’ | Le foto

Claudio Bianchini

Violenza su donne e minori, a Foligno ‘Una stanza tutta per sé’ | Le foto

Nella Caserma dei Carabinieri inaugurato uno spazio accogliente e riservato con personale specializzato | E' la centesima in tutta Italia
Mer, 20/12/2017 - 16:58

Condividi su:


Violenza su donne e minori, a Foligno ‘Una stanza tutta per sé’ | Le foto

Da oggi, una donna o un minore che abbiano subito abusi e maltrattamenti, troveranno nella Caserma dei Carabinieri di Foligno ‘Una stanza tutta per sé’. E’ proprio questo il nome del progetto realizzato dal Club Valle Umbra del Soroptimist in sinergia con l’Arma dei Carabinieri ed il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno.

Si tratta di una vera e propria stanza all’interno dello storico palazzo di via Garibaldi, con le pareti colorate, tappeti, mobili di design, opere d’arte e giocattoli a disposizione. Una sorta di ‘oasi’ tra gli uffici istituzionali della caserma, che non aiutano purtroppo a mettere a loro agio chi deve raccontare e denunciare ‘storie particolari’ che necessitano massima attenzione e delicatezza. Un servizio per il quale sarà anche impiegato un personale dell’Arma appositamente formato per circostanze del genere.

La stanza folignate ha un piccolo primato nazionale, è infatti la centesima che viene realizzata in tutta Italia, come ha fatto sapere con orgoglio la stessa presidente nazionale Patrizia Salmoiraghi, intervenuta alla cerimonia di questa mattina. In cantiere – ha annunciato – anche un altro importante progetto, ‘Si sostiene…il coraggio’, che consentirà alle donne vittime di violenze e soprusi di potersi reinserire nel mondo del lavoro, altro elemento fondamentale per poter riacquistare la fiducia in se stesse.

“Una struttura del genere nasce da una forte esigenza, e tutte le istituzioni sono state chiamate a fare rete contribuendo al progetto – ha dichiarato il capitano Angelo Zizzi – sono persone che hanno subito maltrattamenti e meritano di essere trattate nel migliore dei modi. Ora è necessario lavorare sulla prevenzione coinvolgendo i ragazzi della scuole – ha sottolineato Zizzi – perché tutti devono fare la propria parte contro l’indifferenza e per combattere al meglio la violenza sessuale, di genere e sui minori”.

Parole di grande apprezzamento anche da parte del presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno, Gaudenzio Bartolini, che ha rilevato come ritenga strategia la vicinanza concernente la persona e la sua dignità, tra le mission dell’Ente, anche perché, ha fatto notare “questo deve essere un punto di partenza per esigenze particolari, non possiamo limitarci ad aiutare chi ha bisogno con un pasto caldo o un contributo“.

Voglio ringraziare nuovamente il Soroptimist che già nell’emergenza del terremoto del ’97 fu subito vicino alla popolazione folignate, realizzando un centro per la comunità di Scopoli – ha ricordato il sindaco Nando Mismetti – ed oggi il fatto che si attivi proprio a Foligno la centesima stanza non è casuale, siamo infatti ‘il centro del mondo’. Dobbiamo lottare contro l’indifferenza – ha ribadito – per sensibilizzare soprattutto i giovani a nuove attenzioni verso la comunità ed il sociale“.

All’evento era presente in prima fila il Vescovo della Diocesi di Foligno, Monsignor Gualtiero Sigismondi, che ha benedetto i locali, intervenuto il Comandante del Reparto Operativo Colonnello Carlo Sfacteria, in sala anche i sindaci di Spello, Trevi e Montefalco, autorità civili, militari ed istituzionali.


Condividi su:


Aggiungi un commento