Vicenda Coop / Lettera aperta di Giorgio Raggi a sindaco e capigruppo consiliari - Tuttoggi

Vicenda Coop / Lettera aperta di Giorgio Raggi a sindaco e capigruppo consiliari

Redazione

Vicenda Coop / Lettera aperta di Giorgio Raggi a sindaco e capigruppo consiliari

Mar, 18/02/2014 - 14:18

Condividi su:


Di Giorgio Raggi (*)

Egregio Signor Sindaco, la presente per rendere chiara la posizione di Coop Centro Italia nel momento in cui il Consiglio Comunale è chiamato a valutare una Sua mozione che ci riguarda.

Abbiamo già espresso in tempi non sospetti la nostra posizione con l’allegato comunicato stampa, pubblicato sui quotidiani locali in data 21 dicembre 2013 e che per memoria Le trasmetto.
Negli ultimi passaggi di quel comunicato pensavamo fossero già chiari i nostri deliberata, ma in ogni caso veniamo ora a riprecisarli.
1) Se l’auspicio del Consiglio Comunale di Foligno è “che si avvii una fase consensuale breve ed incisiva tesa alla ripianificazione… ecc.”, Lei sa già – fin dal mese di novembre 2013 – la nostra indisponibilità a sederci a un tavolo di confronto teso a discutere di nuovo e su basi diverse ciò che da due anni abbiamo pubblicamente presentato.
In altre parole: perché si auspica un consenso che si conosce a priori non esserci? È come dire che si è deciso di non decidere.
2) Sono ormai due anni che nel dibattito cittadino, nonché nelle nostre determinazioni, pesa un’incertezza infinita e indeterminata: stupisce che nella Sua mozione Lei chiami la zona circostante l’ex Zuccherificio come l’area “dell’Ex Consorzio Agrario” andando così tanto indietro nel tempo da far ricordare che lì davvero si è attuata senza alcun dibattito una variazione di destinazione d’uso a favore di un nostro concorrente.
Lo stesso ad oggi, essendo stato successivamente inserito dal Piano Regolatore nell’unico comparto dell’ex Zuccherificio, ha certo goduto e gode di una posizione di partenza di sicuro vantaggio.
I procedimenti giuridici in corso – come Lei rammenta – decideranno nel merito anche in riferimento ai cospicui risarcimenti richiesti all’Ente Comune.

3) Condividiamo il fatto che si punti ad una “rinnovata sensibilità diffusa rispetto alla necessità di salvaguardare il consumo del suolo”. Appare singolare che questa sensibilità si manifesti solo ora nei nostri confronti mentre la stessa non era evidentemente nata negli anni in cui l’intera zona de La Paciana veniva trasformata nel più grande e brutto centro commerciale dell’Umbria.
E questa stessa sensibilità è possibile che non fosse presente nello stesso momento in cui Lei condivideva con noi – per più volte e in modo partecipato – la presentazione pubblica del progetto Gae Aulenti-Araut?
Spero con questa mia di aver reso chiaro a Lei e a tutto il Consiglio Comunale che la nostra decisione è assunta in via definitiva e che dunque all’approvazione della Sua mozione o comunque ad un rinvio da parte del Consiglio Comunale di qualsiasi decisione, metteremo in vendita il terreno con le relative autorizzazioni edificatorie già concesse e in nostro possesso.
Crediamo in questo modo che possa essere chiaro a Lei e a tutti i gruppi consiliari, che nell’area dell’ex Zuccherificio o vi sarà realizzato quanto l’attuale piano attuativo approvato prevede, o rimarrà così per sempre.
Da ultimo un auspicio vorremmo rivolgerlo noi a Lei e al Consiglio comunale: sicuramente non vorrete far venir meno nel vostro operato la certezza del diritto.
Potrete certo cambiare il Piano regolatore e i relativi standard ma fino a quando ciò non avverrà rispetterete certo il diritto di edificare secondo le norme vigenti, senza intralci all’esecuzione di ciò che la legge permette.
Sperando di aver portato ulteriore chiarezza rispetto alle nostre posizioni – e questa è l’unica motivazione della presente lettera – mi permetto sollecitarLa Signor Sindaco, ad uno scatto d’ala affinché non si debba commentare il tutto fra qualche mese o fra qualche anno con le parole di Domenico Carbone: “In diebus illis c’era in Foligno …”.
Un cordiale saluto

(*) Presidente del Consiglio di Sorveglianza Coop Centro Italia

Decisione del Consiglio di Sorveglianza di Coop Centro Italia sull'investimento relativo all’ex zuccherificio di Foligno

“Il Consiglio di Sorveglianza di Coop Centro Italia riunitosi oggi – in data 20 dicembre 2013 – ha preso in esame la situazione del proprio investimento relativo all’ex zuccherificio di Foligno.
Dopo la presentazione pubblica avvenuta il 15 marzo 2012 del progetto Gae Aulenti/Araut, nonché dopo la riformulazione dello stesso in due ipotesi alternative con relativo inserimento del Parco delle Scienze – riformulazione formalmente presentata al sindaco il 3 maggio 2013 – Coop Centro Italia ha aspettato una risposta annunciata prima per il 30 ottobre e poi per il 30 novembre.
Si fa notare che tutto il percorso di questi ultimi 20 mesi è stato concertato con l’amministrazione comunale, peraltro presente in tutte le occasioni di pubblica partecipazione.
Ad oggi il dato certo è che la maggioranza ha deciso di non decidere.
Con la presente il Consiglio di Sorveglianza di Coop Centro Italia chiede:
a) un atto di indirizzo da parte del Consiglio Comunale al quale possa essere permesso di fare una scelta pubblica.
Si crede infatti che l’assunzione di responsabilità relativa alla decisione in merito a ciò che con tutta evidenza appare strategico per la città debba essere assunta da parte del massimo organismo di rappresentanza;
b) tempi brevi per il pronunciamento, possibilmente entro il prossimo mese di gennaio, al fine di poter programmare tempi e modi per la realizzazione dell’investimento.

In assenza di un dibattito e di una decisione da parte del massimo organismo cittadino o in presenza di un diniego da parte dello stesso sia dell’ipotesi 1 che dell’ipotesi 2 (come già detto formalmente presentate) Coop Centro Italia decide – ora per allora – di mettere in vendita il terreno con le relative autorizzazioni edificatorie già concesse e in proprio possesso.
Trattasi in questo caso di una rinuncia all’investimento in via definitiva.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!