Via all'ampliamento del PalaBarton | Ma sul nuovo Curi...

Via all’ampliamento del PalaBarton | Ma sul nuovo Curi…

Massimo Sbardella

Via all’ampliamento del PalaBarton | Ma sul nuovo Curi…

Gio, 16/12/2021 - 08:08

Condividi su:


Al palazzetto mille spettatori in più e si punta agli Europei di volley del 2023 | Sullo stadio i nodi della difficile operazione da 35 milioni

Via libera dal Comune di Perugia al progetto definitivo del primo stralcio di lavori per l’ammodernamento e la ristrutturazione del PalaBarton. Un intervento per il quale il Comune ha stanziato una somma che sfiora gli 1,3 milioni.

PalaBarton, mille spettatori in più

Il progetto prevede la chiusura dei quattro “spicchi” compresi tra una tribuna e l’altra dando così continuità agli spalti. Ogni “spicchio” può ospitare 301 posti: pertanto ad intervento concluso la capienza del palazzetto salirà a 4.986 spettatori, con un incremento quindi di circa 1.000 posti rispetto agli attuali 3976.

Per raggiungere l’obiettivo, oltre a realizzare i nuovi spalti, verranno effettuate una serie di opere collaterali per garantire la sicurezza nel corso delle manifestazioni, tra cui la previsione di un’area parcheggio ed un settore riservati ai tifosi ospiti, il miglioramento delle uscite di sicurezza, la dotazione di un impianto di videosorveglianza; è prevista infine la manutenzione degli arconi in legno che manifestano segni di degrado.

Il secondo stralcio

Per ciò che riguarda, invece, il secondo stralcio dei lavori finalizzato ad integrare l’impianto di aerazione onde potenziare il confort estivo e invernale, il Comune di Perugia è in attesa di conoscere quelle che saranno le disponibilità definitive di risorse provenienti dalla Regione Umbria.

“Si tratta di un investimento importante da parte dell’Amministrazione comunale – il commento dell’assessore allo Sport Clara Pastorelli – ma che riteniamo fondamentale per far compiere alla struttura un ulteriore salto di qualità, rispondendo così alle esigenze delle nostre eccellenze sportive come la Sir Safety Perugia, ormai da anni al vertice della pallavolo nazionale ed europea, la Bartoccini volley e tante altre società che si allenano all’interno dell’impianto”.

Il sogno dell’Europeo di volley

Ma l’ambizione non si ferma qui, perché Perugia è pronta a lanciare la sua candidatura per ospitare competizioni internazionali. “Con il completamento della ristrutturazione del palaBarton – prosegue a questo proposito l’assessore Pastorelli – la città avrà a disposizione un impianto di livello internazionale ammodernato, sicuro e con capienza vicina ai 5mila posti. Per questo ci candidiamo con autorevolezza ad ospitare una o più gare del prossimo campionato Europeo di volley, in programma nel 2023. Un torneo in cui l’Italia sarà chiamata a difendere il titolo continentale conquistato quest’anno in Polonia”.

Nuovo Curi, riavvolto il nastro in estate

Ben più complessa la strada che dovrebbe portare al nuovo stadio Curi. Impianto che nel frattempo sarà messo in sicurezza con una serie di interventi che dovrebbero cominciare a inizio del nuovo anno.

L’assessore Pastorelli ha spiegato agli studi di Umbria Tv il cambio in estate dei vertici di Cassa deposito e prestiti ha costretto l’amministrazione comunale a riprendere l’interlocuzione, che altrimenti sarebbe stata già in stato avanzato. Per un progetto da 35 milioni di euro e il coinvolgimento, attraverso Cdp e il credito sportivo, di finanziatori e di un gestore privato “anche internazionale”. Oltre a un contributo diretto del Comune, attraverso un mutuo ventennale per il quale era stata verificata la sostenibilità economica e finanziaria, attraverso un project financing.

L’investimento dei privati

I privati dovrebbero rientrare invece dell’investimento fatto attraverso l’uso dei circa 5mila mq di spazi commerciali, con possibile ampliamento dell’area oltre al’antistadio.

L’assessore Pastorelli non ha nascosta la difficoltà dell’operazione. “Ma abbiamo ripreso l’interlocuzione con Cdp e Credito Sportivo e ci stiamo lavorando” ha aggiunto.

La condizione generale del calcio in Italia e in Europa, peggiorata dalla crisi legata alla pandemia, certo non aiuta ad attrarre investitori.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!